Anziani LGBT+ hanno più probabilità di fumare, bere e fare uso di droghe

Secondo un recente studio dell’inglese International Longevity Centre la salute fisica e mentale degli anziani LGBT+ sarebbe peggiore rispetto a quella delle loro controparti etero.

Ciò dipenderebbe dalla discriminazione subita durante il corso della loro vita, che li ha spesso portati a non fare coming out, a nascondersi, a non farsi curare pur di non rivelare il proprio orientamento sessuale o la propria identità di genere, soprattutto per quanto riguarda malattie sessualmente trasmettibili, oltre che l’uso di alcol e droghe come meccanismo di difesa rispetto al prospetto di dover vivere una vita nascondendo un’importante parte della loro identità.

“Ad esempio, alcune persone potrebbero aver nascosto la propria identità LGBT+ – dal punto di vista della salute, questo avrebbe potuto portarli a nascondere aspetti della loro salute per paura di fare ‘outing’” ha scritto Brian Beach, autore dello studio “per gli altri, avrebbe potuto alimentare una riluttanza nell’entrare in contatto con i servizi sanitari per paura di discriminazione da parte degli operatori sanitari”.

La maggior parte dei soggetti analizzati ha vissuto la propria gioventù durante gli anni cinquanta e sessanta.

Un altro importante elemento è la dilagante mancanza di preparazione da parte dello staff delle strutture per anziani che o non ne conosce l’orientamento, o non sa come comportarsi a riguardo o li discriminano, che si lega anche all’abbandono da parte delle famiglie a seguito del coming out, per cui si devono rivolgere a strutture o associazioni con maggiore frequenza.

I risultati si differenziano anche in base al genere: infatti, le donne lesbiche, bisessuali e trans mostrano più problemi legati alla salute mentale, dovuti anche al fatto di aver vissuto in zone rurali o piccoli paesi, in cui la chiusura mentale è tendenzialmente maggiore, mentre gli uomini gay, bisessuali e trans sono stati principalmente influenzati dall’epidemia dell’HIV/AIDS, tra cui l’essere la prima generazione ad invecchiare prendendo farmaci antiretrovirali. Tra tutti i gruppi quello che sembra riscontrare maggiori problemi sono le donne transgender, soprattutto legate alla difficoltà di entrare in case di cura con personale preparato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *