Azerbaijan, persone LGBT+ detenute illegalmente

Le forze armate dell’Azerbaijan dall’inizio del mese hanno ricominciato a detenere illegalmente membri della comunità LGBT+ locale con falsi pretesti.

La notizia è stata inizialmente rivelata da Minority Azerbaijan, un gruppo per i diritti LGBT+, che ha spiegato come la polizia locale stia attuando una vera e propria caccia alle persone transgender nel paese, principalmente attraverso i social media e le app per incontri, per poi ammanettarli e detenerli nelle celle delle centrali di polizia anche per 10-15 giorni, nonostante la legge preveda un periodo massimo di detenzione di 96 ore, essendo quindi detenute in condizioni inadeguate.

L’omosessualità nel paese è legale, ma ormai da anni le autorità attuano sporadicamente degli attacchi contro la comunità, arrestandone membri con false accuse, principalmente di vandalismo o di non obbedire agli ordini legittimi di un poliziotto addetto al mantenimento dell’ordine pubblico.

“In generale, si ritiene che i detenuti siano trattenuti amministrativamente. La legge non richiede esami medici obbligatori per chi è detenuto amministrativamente se non si tratta di un caso penale” ha spiegato Minority Azerbaijan, sottolineando come però questi esami siano stati effettuati su tutte le persone LGBT+ arrestate fino ad ora, anche contro la loro volontà “La legge […] prevede che qualsiasi esame medico su persone sieropositive non possa essere svolto attraverso pressioni fisiche, psicologiche o morali. Ma, quando una persona sieropositiva minaccia di infettare altre persone o i suoi legali non danno il permesso per l’esame, l’esame può essere imposto da una corte e svolto così come previsto dalla legge. In nessuno di questi casi è stata interpellata una corte, per cui gli esami svolti sono illegali” – ha spiegato Minority Azerbaijan.

Le persone più colpite da questo ennesimo tentativo delle autorità di silenziare una comunità LGBT+ sempre più vocale nel paese più omofobico d’Europa sono le persone transgender, soprattutto quelle persone che si sono viste costrette a darsi alla prostituzione per poter vivere in un paese in cui le opportunità lavorative per le persone trans sono quasi inesistenti, che sono state adescate attraverso i canali utilizzati per il lavoro, per poi vedersi mettere le manette appena arrivate nell’hotel in cui era stato deciso il punto d’incontro.

Non è la prima volta che le autorità azerbaigiane tentano di sopprimere la comunità LGBT+ abusando del loro potere, un caso simile era stato denunciato nel settembre del 2017 quando dei testimoni oculari hanno raccontato di come alcune persone LGBT+ fossero state detenute, picchiate, abusate verbalmente e fisicamente, fino all’elettrocuzione.

Per quanto l’omosessualità sia legale nel paese, mancano leggi contro la discriminazione, non vi è nessuna forma di unione civile o matrimonio tra persone dello stesso sesso né la possibilità di essere riconosciuti come genitori, oltre alla completa mancanza di diritti per la comunità transgender.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *