Categoria: meme

A Tu Per You – I ragazzi di ‘Ferretti cammina con me’.

Siamo nel pieno di quest’estate 2017 e già abbiamo le prime mode: il Fidget Spinner, Despacito, i fenicotteri gonfiabili da spiaggia e i cantanti che cadono rovinosamente sui palchi.

E il web? Risponde con la pagina Facebook più geniale, divertente e di successo del momento: Ferretti cammina con me.

Si tratta di un connubio di due serie cult estremamente agli antipodi tra loro: ‘I Segreti di Twin Peaks’ e ‘Boris’.

La prima non ha bisogno di presentazioni: si tratta del ritorno in grande stile del maestro David Lynch e della famigerata cittadina ripiena di demoni, incubi e sangue. Anche noi ce ne siamo occupati più volte.

La seconda è una serie comica italiana in cui viene raccontato il dietro le quinte di un melenso sceneggiato televisivo dal titolo ‘Gli occhi del cuore’. Il protagonista è un vulcanico regista che deve destreggiarsi tra attrici cagne, raccomandati vari, sceneggiatori cialtroni e una produzione senza soldi. Un successo silenzioso ma inesorabile, che ha permesso addirittura la realizzazione di un film per il cinema. Le citazioni di Boris infestano da anni le bacheche social di mezza Italia. Sembrava il massimo ottenibile, eppure tre ragazzi hanno pensato di smontare l’orrore lynchiano con le citazioni di Renè Ferretti & co. Il risultato? Più di 12.000 like registrati in un battibaleno e una condivisione a macchia d’olio che non accenna a fermarsi!

Ferretti-cammina-con-me-14E allora abbiamo stanato le menti diaboliche dietro questo imprevedibile successo e abbiamo cercato di capire come nasce un cult.

– Come vi è venuta l’idea di coniugare questi due telefilm così diversi tra loro?

L’idea è nata, banalmente, guardando e commentando i nuovi episodi di Twin Peaks tra amici. Sul divano davanti allo schermo c’era lo stesso gruppo di amici con cui anni prima avevamo guardato Boris e la visione di Boris è un’esperienza dalla quale non si torna indietro. È difficile, dopo averla vista, scrollarsi di dosso ed eliminare dal proprio vocabolario espressioni come “a cazzo di cane”, “dai dai dai”, “è coffèè break, signori”. Per cui è stato naturale, e per certi versi inevitabile, rileggere Twin Peaks alla luce di quel filtro. A farci ridere, in particolare, è ovviamente il contrasto che si viene a creare: prendere David Lynch, un maestro autorevole e indiscusso del cinema americano, immaginarlo alle prese con gli attori cani, i collaboratori svogliati e le piccole meschine difficoltà quotidiane del set e vederlo reagire con la delicatezza tutta romanesca di Renè Ferretti. In linea di massima noi comunque siamo grandi fan di entrambe le serie, per cui è stata anche un’occasione di mettere insieme due cose che amiamo e usarle per giocarci un po’.

– La vostra pagina si alimenta anche grazie ai contributi dei vostri fans. Vi aspettavate un riscontro così massiccio?5fb72d2c-43bd-4468-83a5-9d35b7700699_large

No, non ci aspettavamo i contributi e non ci aspettavamo questo successo. Quando abbiamo deciso di aprirla i nostri pronostici è che avremmo preso una decina di mipiace da amici e parenti, che saremmo durati tre giorni “e poi tutti a casa ad aggiornare il curriculum”. Il fatto che le cose siano andate diversamente ci ha colti davvero di sorpresa. In particolare non ci aspettavamo di trovarci la casella dei messaggi straripante di una pioggia di contributi, la maggior parte dei quali tra l’altro ottimi. Anzi, a questo punto ci piacerebbe approfittare biecamente de Il PuntoH e sfruttare questa intervista per ringraziare tutti i ragazzi e le ragazze che quotidianamente ci inviano contributi. È grazie a loro che FCCM sta in piedi.

– Avete già in mente una nuova accoppiata da mettere alla berlina?

Fino ai primi di Settembre siamo coperti perché c’è ancora Twin Peaks. Poi, se dobbiamo pensare a un futuro per la pagina (ammesso che sia destinata ad averlo, un futuro), ci piace pensare ad essa come un potenziale frullatore di cultura pop. Abbiamo già provato un po’ a variare la formula delle nostre gag, facendo reagire Boris e Twin Peaks non solo tra loro ma con altri materiali disparati: Berlusconi, Pippo Franco, Merkel & Putin, Paolo Villaggio, eccetera. Ecco, se dobbiamo pensare a cosa sarà FCCM nel futuro ce lo immaginiamo così, come un posto in cui Pippo Franco irrompe nel cinema di David Lynch o il dottor House è imparentato con Lino Banfi e lavora in una asl a Poggifiorito. O in alternativa, possiamo sempre immolarci al capitale e vendere la pagina per denaro al miglior offerente. Che a ripensarci non è niente male, come ipotesi.

19554796_300820793662197_6116676395572279401_n

– Parlateci un po’ di voi, adesso! Chi siete, cosa fate…

Siamo Daniele Giovannone, Francesco Iervolino e Alberto Iannone: tre ragazzi, tutti studenti o post-studenti, che si conoscono da quasi quindici anni e che hanno passato una buona percentuale di questi insieme davanti a uno schermo.

– Avete avuto qualche riscontro dal team di Boris? 19554204_298635480547395_8962689855720853343_n

Purtroppo no, non direttamente. Abbiamo avuto un’ottima recensione dalla pagina Boris Italia, che però non è ufficiale anche se molto ben fatta. Certo, ovviamente sarebbe un sogno che si realizza ricevere una parola di apprezzamento o una lettera di diffida dal team di Boris. Certo, potendo scegliere magari preferiremmo la parola di apprezzamento, ma siamo gente che sa accontentarsi.

– C’è una domanda che nessuno vi ha mai fatto e alla quale morite dalla voglia di rispondere?

Una domanda che nessuno ci ha mai posto ma alla quale risponderemmo volentieri è: “Vi posso dare un sacco di soldi senza nessuna ragione?”

Ragazzi grazie infinite per la vostra disponibilità, ovviamente noi continueremo a seguirvi! Ma non possiamo lasciarvi andare senza chiedervi un saluto nel vostro stile…

19987484_303898370021106_1874596205_n

Sciaouz!

Tracio

Mariah Carey ‘scapola’ d’oro

Tenersi stretto un uomo è impresa ardua, che voi siate delle casalinghe di Voghera o star miliardarie! Ci vogliono impegno, costanza e anche un po’ d’astuzia. Infinita la lista di dive che son state mollate in quattro e quattr’otto da fidanzati più o meno giovani: Sharon Stone, Naomi Campbell, Belen Rodriguez, Brooke Logan e chi più ne ha più ne metta.
Ultima in ordine di tempo, la burrosa Mariah Carey.

Dopo ani di storici capricci da superstar, sembrava che l’ugola d’oro del pop si fosse un po’ tranquillizzata, grazie anche ai figli e un nuovo amore: il miliardario australiano James Packer. Una vita di basso profilo che, però, è durata poco. All’ennesimo capriccio, Packer ha fatto armi e bagagli sfanculando definitivamente la ‘povera’ Mariah.

rs_634x1024-151027124112-634-james-packer-mariah-carey-ls-102715

Ma come mai? Si tagliava le unghie dei piedi in giro per casa e non sul bidet? Faceva i gorgheggi in salotto mentre il fidanzato guardava ‘Chi l’ha visto’? Gli ha spoilerato la fine di ‘The walking dead’? Niente di tutto questo: la Divina si è rifiutata di seguire il fidanzato in Australia per il compleanno della di lui sorella. E, conoscendo i miei polli, non penso che abbiano dovuto disquisire su Ryan Air o Easy Jet… Ad ogni modo la futura cognata l’ha presa molto male e da qui il bel magnate ha deciso di mandare a ramengo la pettoruta diva.

Oltre ai calzini sporchi e il filo interdentale, Packer le ha lasciato solo una cosa: l’anello di fdanzamento. Un brillocco da 10 milioni di dollari. Certo, conoscendo Mariah, le durerà un paio d’ore.

Alla fine ci ricascano tutte! Ci fanno credere di essere cambiate, aver voltato pagina eccetera ecetera, ma poi tornano sempre a mostrare la loro vera natura. Madonna che manda a fanculo il suo pubblico, Sara Tommasi e le sue molteplici ricadute nel porno e Mariah che fa la cantante dimessa e tranquilla, tutto merito dell’amoooor!

Se sei una spendacciona, lo resti per sempre! Certo per sfiancare un miliardario si sarà messa pure d’impegno. Non fate come lei, correte ai ripari! Come? Con le mie pillole.

Pillole economiche! Gli indizi per cui state spendendo davvero troppo.

1 – Esigete che la lucidatrice del parquet venga guidata solo da Fernando Alonso.

2 – Fate tagliare le ortensie in giardino da Jean Louis David.

3 – Si impalla il computer, per ripararlo convocate Bill Gates.

4 – Come casa vacanze per l’estate, pretendete tutta la Puglia.

5 – Se incontrate per strada Silvio Berlusconi, gli date un paio di euro come mancetta.

Mariah, impara da Kate Middleton: vesti H&M e diventi regina d’Inghilterra!

Sciaouz!

Tracio

Il contenuto del presente articolo riflette esclusivamente le opinioni personali dell’autore. Le affermazioni, descrizioni e conversazioni incluse nel presente sono frutto di pura immaginazione e della fertile fantasia dell’autore. In nessun caso si intende attribuire ai personaggi fittiziamente descritti alcuna opinione, idea e/o si intendono descrivere abitudini e/o consuetudini di personaggi celebri a fini dello sfruttamento della relativa immagine. Le immagini riportate sono di pubblico dominio e non sono coperte da diritti di proprietà intellettuale.

 

Pechino Express – Capitolo 7

La settima puntata di Pechino Express si apre con i concorrenti che fanno da maestri e alunni a dei bambini locali con l’obiettivo di insegnare loro i nomi di alcune verdure in italiano e, allo stesso tempo, di impararli nella lingua locale. Una maestra ha il compito di 14560015_1313910031966625_1083448143595158830_opremiare la squadra di bambini – concorrenti più brava con le lingue e… nonostante i copiosi suggerimenti di tutti… riesce a vincere la coppia degli #Spostati che si guadagnano 10 km con la macchina di Pechino Express. I #Socialisti sono i maestri più bravi e simpatici, Lory la più stronza.

La gara prosegue nel mercato locale dove tutti devono cercare una ragazza che gli è stata affidata e che, una volta trovata, consegnerà loro un cesto di cibo pesantissimo. Una volta giunti a destinazione, vengono date loro borse artigianali che poi dovranno rivendere ai turisti per guadagnare soldi che andranno a un’associazione benefica locale. Pechino si conferma un reality di grandi risate ma anche di grande cuore.
La vendita di beneficenza procede nonostante la taccagneria dei turisti, specialmente degli inglesi, e la chiusura della gara con quel capolavoro di Bread And Roses è il finale perfetto per una delle gare più belle della stagione.

Da elogiare anche i #Socialisti che danno il loro budget giornaliero a un vecchietto cieco.

14753884_1313945625296399_4585595826052393682_o
La puntata procede alla grandissima con la prova di recitazione che vede le coppie in gara cimentarsi in una televendita di cioccolato con Costantino, Cesare Cadeo e Patrizia Rossetti guest star in qualità di madrina di tutte le televendite nei secoli dei secoli. Meritatissima la vittoria dei #Contribuenti.14567349_1313949178629377_3211563943526318777_o

Torna in questa puntata l’amata e odiata bandiera nera che invece incrina il rapporto idilliaco tra #Socialisti e #Innamorati. Speriamo sia solo una crisi temporanea.

Vincono la puntata i #Contribuenti che ci fanno sperare di veder sbattuti fuori i #Coniugi ma non è così perché la puntata non è eliminatoria. In compenso ci sono le scenette di falsa commozione dei #Socialisti a rendere questo finale di puntata indimenticabile.

Vi aspetto la prossima settimana con il resoconto della prima puntata dal Messico! Come sempre, vi lascio con la perla di Lory!

14853206_1313933075297654_288266552657738955_o

PecHino express – Capitolo 6

La 6 puntata di Pechino Express si apre con le coppie costrette a far parlare l’unico pappagallo 14692100_1306625079361787_8635161925567624252_omuto sulla faccia della terra e con la partecipazione straordinaria della regina di tutti i reality in qualità di passeggero misterioso: Valerio Scanu e i suoi tatuaggi alla cazzo di cane!

Purtroppo la sua presenza non serve a molto visto che la coppia degli #Sconosciuti, a cui è stato affibbiato, arriva ultima alla prima tappa della gara.

Lory continua a guadagnare punti quando, con l’immensa nonchalance che la contraddistingue, ruba il passaggio agli antipaticissimi #Coniugi.
Alla fine della tappa 1, le prime quattro coppie classificate devono imparare e insegnare a quelli che li ospitano dieci storiche canzoni italiane. La prova vantaggio canora è uno dei momenti più divertenti di questa stagione di Pechino Express: non sto a raccontarvela, se siete curiosi recuperatela perché ne vale davvero la pena. Vince la prova vantaggio meritatamente la coppia dei #Contribuenti.

La gara continua con la scalata del vulcano che vede arrivare prima l’immensa Lory e il suo fidanzato scemo, perculato da tutti per l’intera durata della puntata (Lory in testa). Grandi soddisfazioni le regala, come al solito, Tina che arriva al traguardo con tutta la calma del mondo e, una volta tornata in città, interrompe la gara per cercare di scroccare un paio di scarpe in un negozio: le pizze non erano più abbastanza.
Nella seconda parte della gara i bellissimi #Socialisti ci regalano un jingle fantastico e un po’ leghista che unisce macchine tamarre e terùn. Mi sa che lo canterò per un bel po’.


Mentre nel frattempo i #Contribuenti cedono al fascino della divisa… di un prete!
Vince la migliore coppia della puntata, quella degli #Innamorati che non si smentisce neanche alla fine e infatti butta fuori gli #Emiliani, tanto carucci, tanto simpatici ma anche tanto inutili.

Avanti così Pechino, mandate fuori i #Coniugi e poi sarà un disastro decidere a chi rinunciare.

Potevamo concludere senza la perla della settimana di Lory…?

14666028_1306680922689536_424485565138543366_n

Vi aspettiamo martedì prossimo con il resoconto della tappa 7!

Il Punto Seriale – The New Normal

Bryan Collins è un eccentrico produttore di telefilm, con una carriera avviata, una bella casa e un compagno di cui è innamorato pazzo. Ma tutto questo non gli basta più: vuole diventare padre. Così lui e il suo compagno, il ginecologo David Sawyer, si mettono alla ricerca di una madre surrogata. Incontrano la dolce Goldie,  single squattrinata in fuga dal marito fedifrago. La donna accetta di aiutare i due e si trasferisce nella loro lussuosa villa di Beverly Hills insieme alla figlia Shania.

THE NEW NORMAL -- "The Big Day" Episode 121 -- Pictured: (l-r) Andrew Rannells as Bryan, Michael Hitchcock as Gary Snyder, Justin Bartha as David -- (Photo by: Trae Patton/NBC)

I quattro, inaspettatamente, diventano una vera e propria famiglia, unita e allegra. Nonostante le proteste dell’ingombrante nonna di Goldie, la vulcanica Jane Forrest. Dall’età indefinita, centinaia di botulini in faccia e un razzismo da far invidia a Giovanardi. La donna non esita ad azzuffarsi con qualunque minoranza le capiti a tiro: omosessuali, disabili e afroamericani. Sue le battute più esilaranti e taglienti della serie. Pur di ‘proteggere Goldie e Shania da questa versione gay di Sodoma e Gomorra’, Jane si trasferisce a Beverly Hills, escogitando i più strampalati piani per scardinare questo nuovo nucleo familiare a cui, inconsciamente, si sta quasi affezionando.

The New Normal è la serie più politically incorrect degli ultimi anni! Una scatenata commedia in cui non mancano battute al vetriolo contro tutto ciò che è buono e giusto. Soprattutto per mano del favoloso personaggio di Jane, interpretato dalla vulcanica Ellen Barkin, attrice simbolo delle commedie nella Hollywood degli anni 80.  Il papà di American Horror Story e Glee, Ryan Murphy, ha scritto questo telefilm ispirandosi alla propria vita. Il personaggio di Ryan, infatti, produce un show intitolato ‘Sing’ in cui dei ragazzi del liceo partecipano a un concorso canoro. Non vi ricorda nulla..?

I due protagonisti sono Justin Barta (Una notte da leoni) e la star di Broadway Andrew Rannels, mentre la parte di Goldie è affidata a Georgia King (Merlin, Sugartown). Come nelle migliori commedie, i tre sono supportati da delle ‘spalle’ assolutamente perfette, come la già citata Barkin e l’esplosiva Nene Leakes, afroamericana platinata già in evidenza in Glee e qui nei panni di Rocky, scombinata assistente di Bryan.

Lo show è stato cancellato al termine della prima serie, e non esito a spiegarmi il perchè, visto il modo spudoratamente sagace con cui vengono affrontati temi caldi come il razzismo, i matrimony gay e le famiglie non convenzionali.

Vale davvero, però, la pena di recuperare questa serie!

Ecco il trailer. Sciaouz!

Tracio

 

La laurea…? Ma già ce l’hai!

Studeeentiiiii!

Universitaaaaari!!!

Ma che, siete ancora lì a studiare per prendere una laurea?? Ma buttate i libri e andatevene in vacanza! Magari una laurea ce l’avete già e nemmeno lo sapete.

Impossibile, dite?

Pensate che c’è gente che ha ottenuta una senza saperlo!

Il-Trota-ha-detto-05_SfrenzyChannelChiedetelo a Renzo Bossi, più noto come ‘Il Trota’, figlio del fondatore della Lega Nord Umberto Bossi. Conosciuto per le sue ‘perle di saggezza’ e per la pagina Facebook che pubblica a rotazione meme su di lui e i suoi pensieri:Il Trota ha detto, più che per il suo operato da consigliere regionale (fondamentale alla sopravvivenza della Regione Lombardia tanto quanto un sesto dito del piede), Bossi jr. è nuovamente balzato agli onori della cronaca per la sparata madre.

Lo scenario è un processo per appropriazione indebita che lo vede imputato insieme al padre e all’ex tesoriere del Carroccio Francesco Belsito. Dal momento che la fantomatica laurea sembrerebbe risultare comprata presso l’Università Kristal di Tirana, alla modica cifra di 77mila euro sganciati dal partito, il Trota è stato convocato per far luce sul qui pro quo.

Da Oscar la risposta:

“Ho saputo della mia laurea in Albania solo dopo questa indagine. I documenti sulla mia laurea li ho visti solo quando sono stati pubblicati durante l’indagine e sono rimasto perplesso prima di tutto perchè la data di nascita scritta sul diploma di laurea è sbagliata. Dopo il diploma parlai in famiglia della mia volontà di andare a fare l’università in America per completare gli studi e poi tornare e dare alla causa del partito quello che avevo imparato, ma poi sono entrato in Consiglio regionale, vivevo tra la Lega e il Consiglio, e non mi sono più posto il problema”.Trota-08

Chiaro, no? Una laurea talmente sudata che il Trota ha fatto tabula rasa del dolore e della fatica spesi per conquistarla.

Tra igieniste dentali particolari e dottorati conseguiti ad minchiam, siamo fortunati che la Regione Lombardia non sia in guerra contro il Messico.

Ma davvero il Trota non sapeva di essere un Dottore? Troppi impegni istituzionali gli hanno negato pure il tempo di appendere la laurea sul caminetto?

Che altro potrebbe essersi dimenticato?

Pillole smemorine! Che altro potrebbe avere il Trota a sua insaputa?

1 – La Fidaty Esselunga con talmente tanti punti Fragola da poter comprare il Molise.

2 – Il titolo di Baronetto del Galles.

3 – Un premio Oscar, il Nobel per la pace e l’Orso d’oro di Berlino.

4 – L’utilizzo dell’Air Force One nei giorni della merla.

5 – Quattro bancali di copie del manuale di automotivazione ‘Come farcela da soli’

6 – La cattedra di Matematica e Informatica all’Università della Sorbona.

7 – La proprietà dei diritti d’autore di tutte le hit di Raffaella Carrà, suonate a palla durante ogni gay pride.

8 – Una ex fidanzata tifosa sfegatata di calcio. In particolare di Mario Balotelli…

9 – 50 dvd di grandi classici del cinema, come ‘Il colore viola’, ’12 anni schiavo’ e ‘The help’.

10 – Una gift card Valtour per un viaggio all inclusive alla scoperta della profonda Africa.

l43-renzo-bossi-120406193738_big

Trota, Trota! Quali altre sorprese ci riserverai?

Alla prossima puntata!

Sciaouz!

Tracio

Il contenuto del presente articolo riflette esclusivamente le opinioni personali dell’autore. Le affermazioni, descrizioni e conversazioni incluse nel presente sono frutto di pura immaginazione e della fertile fantasia dell’autore. In nessun caso si intende attribuire ai personaggi fittiziamente descritti alcuna opinione, idea e/o si intendono descrivere abitudini e/o consuetudini di personaggi celebri a fini dello sfruttamento della relativa immagine. Le immagini riportate sono di pubblico dominio e non sono coperte da diritti di proprietà intellettuale.

The Voice – i KnockOut #2 – #TVOILP

Ultima puntata dei Knock Out di The Voice of Italy 2016 in cui sono stati selezionati i cantanti “meritevoli” di accedere alla fase dei live.

Ultima registrazione per questa stagione, in quanto sarebbe stato davvero difficile affrontare un’ulteriore messa cantata.

La puntata è stata di una calma piatta disarmante, dove tutto è proseguito secondo delle scelte prevedibili ad eccezione di Max Pezzali che ha preferito Francesca Basaglia all’indiscusso talento Claudio Cera, apprezzato anche dagli altri Coach.

Max ha cercato di giustificare la sua scelta incomprensibile ma, a fronte di un’esibizione della Basaglia a dir poco imbarazzante a confronto di un Cera che è stato impeccabile, il buon vecchio Pezzali “l’ha fatta fuori dal vaso”.

Quindi, scelta insensata a parte, ieri sera è stato davvero difficile concentrarsi sul talent e mantenere viva l’attenzione, la nota di colore che ha segnato la serata è stata la gaffe della Carrà.

La Raffa nazionale ha confuso il brano di Titanium di David Guetta ft. Sia con Titanic dove, nonostante fosse stata ripresa dagli autori per l’errore, ha ribadito l’affermazione facendola diventare una questione di pronuncia.

Che la Raffa abbia fatto un mash-up tra De Gregori, David Guetta e Celine Dion? Non lo sapremo mai. C’è da dire che i Knock Out, che abbiamo visto in due puntate, fanno parte di un’unica registrazione quindi è anche comprensibile che “ad una certa ora” si perda la lucidità di ciò che sta accadendo, non dimentichiamoci che a 73 anni la Carrà sfida le leggi della fisica per la sua agilità sul palco.

L’errore ha invocato un piccolo siparietto in cui Emis Killa e la Carrà hanno interpretato rispettivamente Jack e Rose durante la scena più famosa del film, quella per cui ogni volta che si prende una nave, un traghetto, un motoscafo, una barca a remi, c’è sempre la coppietta di fidanzati che giurano di fidarsi l’uno dell’altro sulla prua della “nave”.

Il programma fino ad ora ha puntato sulle gaffe e sulle dinamiche dei coach, cercando di trascinare un talent che non ha fatto la differenza in termini di “talenti” musicali.

Il montaggio di una puntata non aiuta “l’improvvisazione”, quindi, qualche speranza va nutrita per la fase dei live ma di sicuro un percorso binariato non giova alle sorti di un programma sia in termini di ascolti che di messa in onda per il futuro.

Pertanto, confidando nell’inizio dei live, l’appuntamento si rinnova a mercoledì prossimo in cui si spera di assistere a qualche “imprevisto” che dia il giusto ritmo!

Stay tuned!

@TheFollowerTV