Categoria: musica

A Tu Per You Con Sem E Stenn

Abbiamo fatto una chiacchierata con Sem&Sténn, il famoso duo che ad XFactor ci ha fatto vivere non solo dei bellissimi momenti di spettacolo in tv ma ci hanno fatto anche far parte della loro vita e della loro storia per qualche settimana.
foto by Silva Tofani
Dopo XFactor non si sono fermati, ma hanno ingranato la marcia e messo in cantiere nuovi progetti, proprio come Offbeat, il loro primo Lp di cui parleremo anche in questa pagina. Una chiacchierata con Sem e Sténn e ci siamo fatti raccontare, il passato, il presente e il futuro (quello prossimo ovviamente) di questo duo che farà parlare tanto di se.
1- Buongiorno ragazzi, è un piacere avervi qui con noi sulle pagine de ilPuntoH, vi abbiamo seguito ad Xfactor e ora vi ritroviamo in una veste che sembra quasi del tutto nuova, è una nostra impressione o con OFFBEAT avete intrapreso una rotta differente da quella a cui ci avevate abituati con XFactor?
Grazie a voi. Xfactor ci ha dato molta visibilità e in quel contesto segui un meccanismo preciso, che è televisivo. Con Offbeat abbiamo la massima libertà di esprimere le nostre idee, di mostrare le nostre capacità come autori e performer. Fuori dal programma devi dimostrare il tuo vero valore.
2-  Ci parlate un pò di più di OFFBEAT e del progetto che avete intrapreso? Qual’è il concept di questo primo lavoro discografico?
È il nostro primo Lp e quindi parla di noi. Si basa sulla consapevolezza di essere fuori dagli schemi, fuori dalle convenzioni musicali e di costume. Ma non è una critica al sistema, è un album pop che non segue i riferimenti del pop all’italiana, e per questo richiederà più tempo per essere apprezzato ma la cosa non ci spaventa, chi spiana la strada ha sempre molte difficoltà in più di chi scalda la solita minestra.
3- É bello vedere che degli artisti così giovani, specialmente in Italia, sperimentino qualcosa di nuovo e investano con così tanta caparbietà sulla propria carriera, ma la domanda ora è di rito: cosa portate con voi della partecipazione ad Xfactor? Con quali dei concorrenti e dei coach avete mantenuto contatti e siete rimasti amici?
Ci portiamo una grande bella esperienza, un rapporto splendido con il nostro giudice  Manuel e tanti nuovi fan. Siamo rimasti in buoni rapporti con tutti, o in alcuni casi abbiamo cercato di mantenere un buon ricordo.
4-L’Italia si sta muovendo molto lentamente, ma almeno qualcosa si sta muovendo in materia di diritti LGBT+, e noi che siamo attivissimi su questo fronte, ci domandiamo se e quanto sia stato difficile fare accettare  il vostro duo che oltre ad essere artistico è un duo nella vita, siete una coppia, sia in un programma come quello di Xfactor che nello showbiz?
foto by Silva Tofani

Far parte apertamente di questa comunità è faticoso perché sei sempre bersaglio facilmente attaccabile. Ma “farsi accettare” non è la soluzione. Noi siamo ciò che siamo e può non piacere, ma agli omofobi non piaceremo mai a prescindere da ciò che facciamo. La nostra è una identità musicale, personale e artistica che non si possono separare tra loro. Il prezzo di questa scelta di campo è alto, riceviamo ancora oggi insulti di ogni genere, e forse è per questo che molti nostri colleghi decidono di rimanere nell’ombra.

5- Siete mai stati vittima di episodi di omofobia di qualsiasi genere? Come avete reagito? Cosa vi sentireste di dire o come vi sentireste di commentare gli ultimi vergognosi atti di omofobia in Italia? 
Si, molte volte, e abbiamo sempre reagito chiudendoci in noi stessi perché ci siamo sentiti soli.
Ed è una sensazione che vorremmo evitare alle nuove generazioni lgbt+ : il nostro dovere è combattere l’odio e promuovere il valore della diversità. non dobbiamo permettere a nessuno di dirci come dobbiamo vestirci o per chi dobbiamo provare sentimenti.
6- Come vi siete conosciuti? Sognate un matrimonio? Una famiglia? Ci pare di capire che siate stati “il primo” l’uno per l’altro.
Online, sogniamo un matrimonio ma molto opulento quindi dobbiamo aspettare di avere tanti soldi. Si, abbiamo condiviso tante prime volte insieme, è il nostro segreto di successo.
7- Molti dei nostri lettori purtroppo non hanno ancora fatto il proprio coming out con la famiglia, volete per paura o per altro, vi andrebbe di raccontarci come avete fatto coming out alle vostre famiglie e come hanno reagito? Cosa vi sentireste di dire ai nostri lettori che ancora non hanno avuto il coraggio di fare coming out?
Chi vi ama lo farà ad ogni condizione, rosso verde giallo poco importa. È così che si ama. Dovrete cambiare ruolo, non sarete più figli ma genitori, insegnerete loro qualcosa in più del mondo. E armatevi di tanta pazienza.
Foto by Silva Tofani

8- torniamo subito al vostro nuovo progetto discografico: com’è stato girare il video di baby Run con Manuel Agnelli? Che rapporto c’è con il vostro ex coach?

Bellissimo. Con Manuel siamo finiti a nozze.
9- Avete anche iniziato un tour in tutta Italia, come stanno andando le date? Dove potremo vedervi prossimamente? Invitate noi HPunters al concerto di Milano anche nel back stage? 😉
Abbiamo toccato molte zone d’Italia e la vita in tour è tanto bella quanto disorientante. È sempre bellissimo ricevere così tante energie positive dal palco. I prossimi appuntamenti sono: 18 maggio a Brescia (Latteria Molloy) 19 maggio a Milano (Ohibò). E proprio per questa data milanese con ilPuntoH ci sono a disposizione 2 biglietti per chi lascerà il commento più simpatico sotto quest’intervista, e lascia il tuo indirizzo mail per farti contattare.
10- Quali sono stati fino ad oggi i messaggi o i gesti ricevuti dai vostri fan che vi hanno fatto battere forte il cuore?
foto by Silvia Tofani

Regali in camerino, illustrazioni, quadri, magliette, ma anche cose non materiali. Ad ogni fine concerto ci prendiamo del tempo per parlare con i fan ed è un momento prezioso per noi.

11- E in ultimo, concludiamo con una delle domande che ci piace fare quando intervistiamo: c’è una domanda che non vi abbiamo fatto ma alla quale morite dalla voglia di rispondere? Lo sappiamo che ce l’avete, siamo curiosi
🙂 
Qual è il vostro segreto di bellezza?
Non ve lo diremo mai!
Eurivision2018 - Titina18

Eurovision 2018 con #Titina18 – ecco i più papabili alla vittoria

Arriva #Eurovision2018 e torna anche #Titina18: pronti a sbizzarirci con i nostri commenti su twitter in un unico e grande gruppo divertente?

#Titina18 è l’hashtag da utilizzare in combinaizone con #Esc2018 per entrare direttamente a far parte del nostro gruppo d’ascolto twitter che ci ha tenuto compagnia già durante Sanremo 2018 e che ci farà divertire tantissimo per tutta la settimana di #Eurovision2018. Pronti a divertirci come matti?

Quanto mancaaaa!?!?!?

Poco, anzi pochissimo! 4 giorni esatti all’8 Maggio 2018, e alle ore 21, collegandoci sul canale youtube di Eurovision TV, potremo goderci la prima delle due semifinali.Ecco chi scenderà in gara la prima sera:

01 Azerbaijan Aisel X My Heart
02 Iceland Ari Ólafsson Our Choice
03 Albania Eugent Bushpepa Mall
04 Belgium Sennek A Matter Of Time
05 Czech Republic Mikolas Josef Lie To Me
06 Lithuania Ieva Zasimauskaitė When We’re Old
07 Israel Netta TOY
08 Belarus ALEKSEEV FOREVER
09 Estonia Elina Nechayeva La Forza
10 Bulgaria EQUINOX Bones
11 F.Y.R. Macedonia Eye Cue Lost And Found
12 Croatia Franka Crazy
13 Austria Cesár Sampson Nobody But You
14 Greece Yianna Terzi Oniro Mou
15 Finland Saara Aalto Monsters
16 Armenia Sevak Khanagyan Qami
17 Switzerland ZiBBZ Stones
18 Ireland Ryan O’Shaughnessy Together
19 Cyprus Eleni Foureira Fuego

 

Sentirsi come la “Zingara che fa le carte”

Eh sì, abbiamo chiesto al nostro oracolo, immaginatelo come una specie di Christina Aguilera nel corpo di Britney Spears, la follia creativa di Lady Gaga e l’aura compassionevole per i gay e l’età di Cher.

Bene, l’oracolo si è pronunziato , dicendo che i tre papabili alla vittoria di questo Eurovision 2018 sono (dal meno probabile al più probabile)

Il nostro attore di Bel Ami preferito (e anche se non lo è in realtà a noi piace immaginarlo anche come attore hard), il twink che tutti noi vorremmo strapazzare di coccole di qualsiasi tipo, ha dimostrato di saperci fare sul serio su quel palco, accattivandosi sin da subito i giudizi positivi dei presenti alle prove. Sono sicuro che darà del filo da torcere a tutti i concorrenti quest’anno e spero proprio che l’oracolo ci abbia visto giusto su di lui.

Christabelle da Malta con furore viene fuori da una scatola sul palco, tra luci ed effetti visivi che emozionano. Una voce forte e grintosa contro ogni tabù! Questa venere mediterranea ha talento da vendere. E se tutto va bene potrebbe anche salire sul podio.

Lei è al numero 1 delle preferenze anche questa settimana e il nostro Oracolo strafatto e rifatto è più che d’accordo: faccia simpatica, bravura smisurata, una voce chiara, pulita e forte, uno stile e un look tutto suo che fanno simpatia e che piacciono al pubblico. Un testo che da solo meriterebbe la vittoria e un’esibizione su quel palco da far rizzare i capelli in testa per quanto è spaventosamente bella e brava! Ora, io ve lo dico, ma se non vince lei mi incazzo di brutto… e anche il nostro oracolo, solo che poi quest’ultimo manderà maledizioni a tutti quelli che non l’avranno fatta vincere. D’altronde… chi non vuole l’Eurovision in Israele e combinare il festival, le spiagge bellissime di Israle e i manzi e le manze di quei posti? Daje Netta!!!

E tu con noi sei d’accordo? O meglio… il tuo oracolo cosa dice?

Stay tuned su twitter con #Titina18 e #Esc2018

 

 

Xtina Aguilera - accelerate - ilPuntoH

ACCELERATE – Xtina Aguilera torna alla ribalta

Xtinona international nostra ci ha fatto aspettare tanto ma è tornata e – a modo suo – l’ha fatto alla grande.

Accelerate è il singolo che anticipa l’uscita del suo nuovo album e al quale ha fatto poi seguire la notizia delle date dei suoi concerti per il nuovo tour mondiale.

Bene, ma andiamo subito al giudizio.

MUSICA: 6 – mi sembra di sentire ritmi e beats di canzoni rap e R&B già sentite che però mi sono piaciute;

TESTO: 8 – nulla da eccepire qui: un testo forte e che inneggia alla libertà, classico di una Xtina Aguilera a cui ci siamo abituati con amore;

INTRO: 2 – totalmente inappropriato come intro, non c’è una fase di passaggio che ti porti poi alla canzone vera e propria se non un’interruzione drastica, che personalmente a me non piace;

VOTO FINALE: un 7 pieno.

E perché sono stato così avaro? Più che avaro, direi che sono stato magnanimo. 

Sono anni che aspettiamo che una delle indiscusse regine del pop faccia il suo ritorno e tu Xtina mia bella, vieni fuori con un pezzo rap misto R&B dove non puoi mettere in risalto come si deve – sì vero, alcuni tuoi acuti perfetti li fai – e non fai venire subito fuori la Christina Aguilera che abbiamo amato sin da subito?

Facciamo che aspetto l’album completo e poi mi esprimo nuovamente.

Accelerate … quasi quasi Me Gusta!

 

Lollipop-RitmoTribale-IlpUntoH

Le LOLLIPOP tornano con un “Ritmo Tribale” che ci farà ballare.

Le avevamo conosciute nel 2001, quando con il predecessore di tutti i programmi talent show canori, il famoso POPSTAR, erano  state scelte tra le tante concorrenti le 5 ragazze che vennero conosciute poi come LOLLIPOP, sotto contratto con la Warner Music Italia.

All’epoca il gruppo era formato da Marta Falcone, Doninique Fidanza, Marcella Ovani, Veronica Rubino e Roberta Ruiu.

Spopolano in Italia con due album e con un pezzo che ha fatto la storia del pop italiano al femminile: Down Down Down, e l’anno successivo il gruppo partecipa anche a Sanremo 2002 con una cazone dal titolo Batte Forte. Nel 2004 si sciolgono e per un pò di anni tutte le componenti portano avanti progetti solisti senza mai raggiungere il pieno successo.

Nel 2013 poi, rieccole che spopolano nelle discoteche italiane e nei media televisivi e social: il gruppo formato da solo 4 componenti (Dominique infatti non ne fa già più parte) che riunite in un nuovo progetto musicale ci fanno ballare, cantare e divertire per un’intera estate con il pezzo trash pop CIAO RELOADED.  In quest’occasione ritroviamo  quattro donne, alcune divenute madri, più mature anche da un punto di vista artistico: sono quattro artiste che dimostrano la loro voglia di ritornare alla ribalta, l’aver lavorato su se stesse e di essere migliorate, ma dopo poco più di un’estate i riflettori che per mesi erano stati puntati su di loro, si spengono e cala nuovamente il sipario.

Anno 2018 le Lollipop ci riprovano e questa volta però sono solo in tre: Roberta Ruiu non fa più parte del gruppo dove ora troviamo solo Marta, Marcella e Veronica. Ma ehi… anche solo in tre, queste ragazze spaccano di brutto.

Il brano pubblicato ieri 26 Aprile si chiama Ritmo Tribale, e come ci fa presagire il titolo, si tratta di una canzone Pop Latino, dal ritmo dance, che tra le strofe ripercorre la storia delle Lollipop dalla loro partenza ad oggi e le proietta nel futuro, o almeno così si spera per loro che tanto hanno lavorato e sudato per essere ora dove sono.

Il brano richiama alla mente atmosfere estive, latine, di feste in spiaggia tra sguardi che si incorciano, baci rubati, balli sensuali e divertimento intenso, ma anche ad artisti come Ricky Martin, Enrique Iglesias and company, da favola!

Ritmo Tribale delle Lollipop si preannuncia essere il nostro tormentone estivo, il brano che tutti i DJ suoneranno in discoteca, specie alle serate gay perché con questa musica te la senti calda, te la senti di ballare come una Beyoncé e una Rihanna in concerto davanti a migliaia di persone.

Ragazze,  questo brano mi ha fatto scatenare come una matta dalla prima nota e fatto rivivere pagine della mia gioventù quando le seguivo in tv e alla radio… In Bocca Al Lupo alle Lollipop, sperando che dopo quest’estate siano ancora sulla cresta dell’onda.

In attesa del video, vi lascio al link per l’ascolto su Spotify.

ariana grande - no tears left to cry - ilPuntoH

“No Tears Left To Cry” – Ariana Grande – un tributo anche alle vittime di Manchester

NO tears left to cry - ariana grande - ilpuntoHAriana Grande ha deciso di dare ai Gay quello che realmente vogliono: musica pura, ritmo, testi da cantare e canzoni che ti entrano dentro… da subito!

Ma ha fatto di più in questa cazone pop dai ritmi sincopati e che in alcuni tratti portano alla mente atmosfere da rythm-and-blues, nel video di “No Tears Left to Cry” ha incluso un toccante tributo alle vittime dell’attacco terroristico che coinvolse il suo concerto di Manchester lo scorso maggio.

La cantante statunitense ha presentato il suo nuovo singolo “No Tears Left to Cry” proprio oggi 20 Aprile 2018, 11 mesi dopo l’attentato alla Manchester Arena, che ha causato 22 vittime, e credetemi: gli ascolti su Spotify hanno già raggiunto cifre da capogiro, così come le visualizzazioni del suo video ufficiale, e se notate, in chiusura del video c’è un’ape – il simbolo della città di Manchester – che vola via.

Con la lirica, tra cui “Non ho più lacrime da piangere / Quindi lo prendo, lo prendo / sto amando, sto vivendo, lo sto raccogliendo”, il traccia i canali dello stesso spirito elastico che Grande ha esibito quando ha tenuto il concerto One Love appena due settimane dopo la tragedia per aiutare a raccogliere fondi per le famiglie delle vittime. Nelle parole della sua canzone “Ain’t got no tears left to cry / So I’m pickin’ it up, pickin’ it up / I’m lovin’, I’m livin’, I’m pickin’ it up,” Ariana mette a nudo il suo spirito forte, grintoso, da guerriera che non si arrende e che guarda avanti senza però dimenticare il passato, anzi, rendendogli omaggio, proprio come ha fatto con il suo concerto One Love a Manchester poco dopo l’attentato.

No Tears Left to Cry” è la prima traccia musicale estratta dal suo nuovo album, il quarto in studio di Ariana Grande, che segue Dangerous Woman uscito nel 2016.

Ariana, ora ti riaspettiamo in Italia!

“TINA” – il musical tributo a Tina Turner

Quanto effetto può avere un tributo musicale a una delle superstar più amate al mondo?

Abbiamo chiesto ad un nostro lettore, esperto e appassionato di musical, di darci il suo parere dopo averlo visto all’ Aldwych Theatre di Londra, e il feedback è davvero forte.

tina il musical

Lo spettacolo in sé non è perfetto, ci sono delle piccole sbavature tecinche che devi proprio cercarle con occhio attento e critico, ma Adrienne Warren (cantante e attrice principale che interpreta Tina Turner) riesce a restituire l’essenza della star come l’anima sopravvissuta che ha trovato la forza di camminare, trascinandosi quasi barcollando, lontano da un matrimonio violento per diventare una delle artiste femminili di maggior successo di tutti i tempi.

Che sia stata proprio la sua celeberrima versione di “Simply the Best” a inspirare lo spettacolo trubito a Tina Turner? No, non credo. Sono sicuro che l’onore va al film del 1993 What’s Love Got To Do With It, che ha avuto il merito di raccontare come Anna Mae Bullock abbia unito le forze creative con Ike Turner e sia diventata una superstar il cui successo è riuscito a mascherare, quasi nascondere e ignorare un profondo mondo di dolore.

Questa sceneggiatura diretta da Kyle Hall, Phyllida Lloyd, ci fa ripercorrere la storia di Ike e Tina: due artisti che lavorano insieme, sono romanticamente coinvolti e nel giro di 10 minuti di spettacolo è come se fossero realmetne passati 10 anni di storia dei due, arriva il figlio e ha inizio il dramma della loro vita e dei loro risultati professionali e artistici.

TinaTurnerTheMusical2018
Da sinistra destra: Adrienne Warren (Tina Turner) e Lorna Gayle (Gran Georgeanna) Foto trovata sul web.

Il secondo atto, in cui vediamo un’agguerrita Tina Turner che torna a scalare la cima delle classifiche, risulta di gran lunga migliore in quanto la protagonista in scena riesce quasi a sfondare il tetto del teatro con la sua voce potente e la sua grinta scenica. E forse, il fatto che venga scelto di usare la canzone “We Don’t need another hero” come canzone per accompagnare la marcia funebre – inscenata – per il funerale della madre, potrebbe sembrare azzardato, ma la bravura canora e scenica di Adrienne Warren riesce a rendere il tutto un capolavoro.

Adrienne viene direttamente da Brodway ed è capace di ricreare sul palco – essendo una brillante attrice che cattura lo spirito combattivo di Tina – quella risata e quel sorriso ironico, tipico di Tina Turner, senza scadere in una vuota, trita e scadentemente semplice impersonificazione dozzinale della cantante. L’emozione più forte a mio avviso , ci è regalata quando Adrienne intona le sue canzoni.

Mi spiace leggere che sui media inglesi lo spettacolo non abbia incontrato i favori di molti e che in tanti abbiano dato un voto mediocre a questo musical tributo, ma a mio parere è uno show che vale, e che è carico di energia e di emozioni che se ne hai l’opportunità, va visto e goduto.

Per info e biglietti, cliccate qui.

Andrea R. per ilPuntoH
ElisaToffoli-will-we-be-strangers

Will we be strangers – il nuovo singolo di Elisa che ci piace tantissimo

Elisa, colei che tanto ci ha fatto sognare con le sue canzoni in inglese negli anni passati, è finlamente tornata a cantare in inglese dopo un periodo in cui si era dedicata a testi in intaliano.

Lo scroso 8 aprile, infatti, ospite del Jazz Café a Londra, sede della prima tappa del suo tour europeo 2018, tra successi del passato e quelli più recenti, ha presentato e cantanto in anteprima il suo nuovo singolo Will we Be Strangers, proprio come aveva promesso sui social qualche giorno prima.

Si tratta di un pezzo in lingua inglese – che con la voce di Elisa acquisice un sound unico, una profondità e forza che solo lei sa regalarci – una canzone dai ritmi pop-rock e dalle sfumature elctro che già dal primo ascolto risulta piacevole. Una canzone che arriva subito alla testa al cuore e rimane.

Will we be Strangers anticipa l’uscita del suo nuovo album – previsto per Ottobre (forse) – e per l’occasione è stato trasmesso in diretta streaming sul canale Instagram dell’artista, e qui di seguito vi proponiamo il video dell’esibizione.

La cazone è in rotazione radiofonica dallo scorso 13 Aprile e – come già detto – farà parte del suo nuovo album, seguito di ON uscito nel 2016, per il quale però non è ancora stato reso noto il titolo e una data finale di publicazione.

E noi che siamo Italiani in giro per il mondo, sappiamo che molti di voi saranno sparsi per i vari paesi europei nei prossimi mesi e se vi capita, non perdetevi un suo concerto. Credete chi come ci è andato: è uno spettacolo di pura musica ed energia che vi farà benedire ogni singolo euro speso per il biglietto.

Ecco dove sarà nei prossimi giorni:

  • 9 Maggio –  Monaco-Strom
  • 10 Maggio –  Berlino-Frannz Club
  • 11 Maggio –  Colonia-Luxor
  • 13 Maggio  –  Zurigo-Kaufleuten
  • 14 Maggio –  Parigi- Le Trabendo
  • 16 Maggio –  Bruxelles-Vk Concerts

Altre date seguiranno presto e verrano rese note sul sito dell’artista, qui. Nel frattempo, godiamoci la sua musica con la playlist che proponiamo di seguito.