Categoria: news

Taiwan, referendum per il matrimonio egualitario

In Taiwan, una delle repubbliche più progressive dell’Asia, il 24 novembre si terrà un referendum sul matrimonio egualitario. Le due possibili scelte: l’estensione del matrimonio come definito e regolamentato dal codice civile alle coppie omosessuali o l’introduzione di un tipo di unione civile solamente per le coppie omosessuali, che limiterebbe la definizione di matrimonio all’unione tra un uomo ed una donna.

Pisa, ennesima aggressione omofoba contro una coppia gay

Ancora un’altra aggressione in questa lunga stagione omofoba che sta coinvolgendo l’Italia: questa volta l’ambientazione è il centro di Pisa, precisamente Borgo Stretto, dove Christian Murgo e Marco Barone la notte di giovedì scorso (4/10) stavano passeggiando quando sono stati avvicinati da due ragazzini che hanno esordito con “Siete finocchi?” per poi aggredirli.

Facebook blocca alcune pubblicità lgbt+ perchè “politiche”

Facebook ha bloccato alcuni annunci pubblicitari a tema LGBT+ a causa dei “contenuti politici”.

Vittima del nuovo algoritmo i contenuti più vari, da petizioni per i diritti trans* nelle Filippine, ad un cabaret di fiabe gay di Las Vegas, ad un gruppo per uomini latini gay, finanche a pagine ufficiali dei Pride di diverse città, programmi per la salute LGBT e persino un post di auguri per l’attrice bi Sara Ramirez (Callie Torres di Grey’s Anatomy).

Cesena, corteo nazifascista contro le unioni civili processato come reato penale

I funerali d’Italia: undici militanti di Forza Nuova avevano ideato il corteo in protesta alla seconda unione civile al comune di Cesena, marciando per le strade della città con una bara sulle spalle, abiti scuri e teste rasate. Un macabro spettacolo di omofobia che aveva indignato la città, al punto di essere processati non soltanto come reato civile, ma anche come reato penale.

17ennelesbica sequestrata in casa a Roma

Roma: 17enne segregata in casa dalla famiglia perché lesbica.

Roma, 2018… e l’umanità fa tanti, troppi passi indietro.

No, purtroppo non è una bufala (ma lo speravamo), si tratta di una notizia vera e tristissima, oltre ad essere disumana.

“Brutta lesbica! Ti sistemiamo noi”: queste ed altre frasi “colorite”, offensive, cattive e omofobe sono le parole che la nostra protagonista si è dovuta spesso sentire dire, e il tutto, troppo spesso accompognate da percosse fisiche. Una realtà da incubo, ma tutto questo in pieno giorno e per evitare che lei potesse vedere la propria fidanzata.

Una situazione che la 17enne in questione, abitante di un piccolo paesino in provincia di Roma, ha vissuto per un anno e più, arrivando