Categoria: Post

Recensione2.H: Una donna fantastica

Nella grande comunità LGBT+ molte volte la T, che sta per Trans, viene dimenticata, e non intendo nel menzionare la comunità, ma proprio come individui della stessa, un po’ perché difficilmente vediamo persone transgender per le strade, alla fin fine non girano con nessun cartello che urla SONO UN/A TRANS!, un po’ perché, nonostante anni ed anni di lotta le persone transgender son ancora viste con un occhio ancora più bigotto e critico che verso persone omosessuali; la figura del/la trans è ancora troppo legata all’immaginario pornografico molto in voga tra gli etero, ma anche in una nicchia della comunità gay ( parliamo di transgender FtM che quindi presentano fisicità mascoline mantenendo (poi dipende dai casi) l’organo riproduttivo femminile).

Parlamento Europeo- sanzioni al Brunei - IlpuntoH

Parlamento UE: sanzioni aspre per il sultano del Brunei

Il Parlamento europeo ha appoggiato le richieste di congelamento dei beni e il divieto dei visti al Brunei in seguito all’introduzione del nuovo codice penale.

Oggi, 18 Aprile 2019, il consiglio europeo ha approvato una risoluzione che condanna il nuovo codice penale del Brunei, che introduce la pena di morte per il sesso gay e l’adulterio, mentre il sesso lesbico è punito con frustate.

Il Brunei ha cercato di difendere la legge, sostenendo in una lettera inviata al Parlamento UE che c’erano state “idee sbagliate” sul codice penale.

Tuttavia, il Parlamento europeo ha approvato una risoluzione “che condanna fermamente l’uso della tortura e trattamenti crudeli, degradanti e disumani” in Brunei, avvertendo che questo “viola gli obblighi del Brunei ai sensi della legge internazionale sui diritti umani“.

Bologna, aggressione omofoba fuori da una discoteca

Erano appena usciti dal bar Candilejas di via Bentini a Bologna, città conosciuta per la sua inclusività, quando sono stati avvicinati, insultati e violentemente minacciati da un gruppo di giovani, che li hanno poi aggrediti fisicamente alla minaccia di chiamare il 113: è la storia di un 29enne siciliano ed un suo amico che domenica scorsa si sono ritrovati vittima di un’aggressione omofoba.

Adozioni-a-coppie-dello-stesso-sesso-ilpuntoH

Il mondo e le adozioni a coppie dello stesso sesso

In un periodo di dieci anni, siamo passati dal 4% al 16% dei paesi che permettono l’adozione a coppie dello stesso sesso.

Tuttavia, c’è ancora molta strada da fare e nuovi dati da RedLetterDays mostrano che 27 paesi su 169 consentono alle coppie dello stesso sesso di adottare, vale a dire 142 invece non lo permettono.

Dei 51 paesi in Europa, solo 16 consentono ai genitori dello stesso sesso di adottare legalmente, il che significa che è illegale nei 35 rimanenti (tra cui la nostra cara Italia ferma al medioevo con il nuovo governo).

Jair Bolsonaro - ilpuntoH

Bolsonaro continua a ricevere porte in faccia a New York

Una seconda istituzione di New York si rifiuta di ospitare il presidente del Brasile omofobico Jair Bolsonaro, pochi giorni dopo che il Museo Americano di Storia Naturale si era rifiutato di ospitarlo a causa delle proprie politiche e idee omofobiche.

La Cipriani Hall di Wall Street ha rifiutato, per l’occasione, di ospitare il gala della Camera di commercio brasil-americana, dove Bolsonaro sarebbe stato nominato Person of the Year, secondo quanto riporta il quotidiano brasiliano Estadão.

La decisione è stata presa a causa delle pressioni di molti attivisti ambientali e del sindaco della città, Bill de Blasio.

Coppie Dello Stesso Sesso e Mutui - IlpuntoH

Prestiti e Coppie dello stesso Sesso: le difficoltà e ostilità delle banche

A quanto pare il nostro caro e vecchio Paese non è l’unico paese in cui una coppia dello stesso sesso, salvo l’avere buoni fondi a disposizione per garanzie, si vede spesso sbattere porte in faccia quando richiede un prestito per una casa o altro.

La ricerca dell’Ivy College of Business della Iowa State University mostra che le coppie omosessuali hanno il 75% in più di probabilità di vedersi negato un prestito rispetto alle coppie eterosessuali.

Lo studio ha esaminato i dati dei mutui nazionali per 30 milioni di prestiti negli Stati Uniti tra il 1990 e il 2015. I ricercatori hanno anche analizzato un set di dati più piccolo e più dettagliato che includeva la storia lavorativa e il punteggio di credito dei candidati.