468x80 Beach
RainbowNews - Diritti LGBTQ ilPuntoH

Diritti LGBTQ – un buona iniezione di positività di cui tutti avevamo bisogno.

Diritti LGBTQ: quando nonostante tutto, il mondo riesce a darci messaggi positivi e di speranza.

diritti lgbtq - Cecenia e Russia contro i gaySì è vero, almeno ogni tanto qualche notizia positiva dal fronte dei diritti LGBTQ in questi giorni di assoluta follia. Se proprio ieri si ricordava in Israele e in tutta la comunità Ebraica mondiale il Yom HaShoà, o vero il giorno della Shoà, sempre ieri molti giornali titolavano che il premier ceceno prometteva di cancellare dalla Cecenia tutti gli abitanti omosessuali. Un’affermazione macabra, cattiva e senza traccia di umanità alcuna.

Diritti LGBTQ - Napoli in prima filaMa il mondo, per fortuna, è abitato anche da persone buone e con un senso di civiltà nei confronti dei diritti LGBTQ che danno forza alla nostra speranza e ci fanno credere in un futuro migliore. É questo il caso della notizia giunta a pochi giorni da quella cattivissima dei campi di concentramento gay in Cecenia, di Andrea Lovdikov, un giovane Russo che ora vive nella bellissima Campania, a cui il tribunale di Salerno ha concesso lo status di rifugiato politico in Italia per questioni legate al proprio orientamento sessuale.

Così si è espressa la Dott.ssa Mara Biancamano, avvocato dello Sportello MigraAntino dell’Arcigay di Napoli:

”Ancora una volta il Tribunale di Salerno si mostra attento e sensibile alle istanze di giustizia che provengono dalle persone LGBT, il provvedimento è molto importante perché riconosce per la prima volta il più alto grado di protezione ad una persona omosessuale proveniente dalla Russia”.

Anche il sindaco di Napoli, De Magistris, ha espresso vivo piacere per la vicenda:

“Bene che un Tribunale italiano abbia concesso lo status di rifugiato a un omosessuale russo perché perseguitato nel proprio paese. Il mondo è abitato da persone con la loro umanità, con i loro desideri di amore e le loro aspirazioni. Napoli è città dei diritti e della libertà“.

Andrea è arrivato a Napoli ancora adolescente, portato lì dalla madre non appena le leggi contro le persone omosessuali vennero emanate in Russia, e ora qui Andrea è libero di amare, di essere se stesso e di lottare per i diritti LGBTQ di noi tutti.

Lo stesso Andrea afferma:
“Sinceramente non me l’aspettavo, a scuola ho sempre avuto problemi e ho dovuto fare un percorso lungo e complicato per accettarmi. Da quando sono in Italia ho capito che se fossi tornato in Russia mi sarei dovuto nascondere e la mia vita si sarebbe complicata ulteriormente . Ora a Napoli ho la mia vita e sono fidanzato da alcuni anni; nonostante continui ad amare il mio Paese di origine non posso rischiare di tornarci e perdere tutte le mie libertà, libertà e diritti LGBTQ che da noi in Russia sono negati”.

E le notizie positive sui diritti LGBTQ non finiscono qui!

diritti lgbtq - youtube video censurati tornano onlineRicordate quando vi parlavamo di YouTube e della censura inspiegabile a tutti i video con forti tematiche LGBTQ? Bene, noi de ilPuntoH avevamo anche scritto a direttori del sito di video più famoso al mondo, non ricevendo mai una risposta, ma poco importa ora che la situazione è tornata alla normalità, rimettendo on line milioni di video prima censurati.

Il tutto non è però avvenuto in completa sordina, ma la vicepresidente di YouTube Johanna Wright, ha pubblicato un messaggio di scuse dove, tra le altre cose, affermava:

“Dopo un’indagine approfondita abbiamo iniziato a fare diversi miglioramenti nei confronti della modalità limitata. Dal lato tecnico, abbiamo risolto un problema che filtrava in modo errato i video, tant’è che ora sono tornati disponibili 12 milioni di video di tutti i tipi, inclusi centinaia di migliaia di contenuti LGBT. […] Chiariamo che la modalità Restricted non dovrebbe filtrare i contenuti appartenenti ad individui o gruppi basati su determinati argomenti come genere, identità di genere, punti di vista politici, razza, religione o orientamento sessuale“.

Un altro passo nella direzione giusta dei diritti LGBTQ! Ci piace così!

diritti lgbtq - google home famiglia rainbowE chiudiamo con una notizia che ci fa amare Google ancora più di quanto già non lo amassimo.
Il Gigante del web ha infatti scelto una famiglia Arcobaleno per promuovere le nuove funzionalità di Google Home e mostrare come con l’aggiornamento appena rilasciato, il dispositivo intelligente riesca a riconoscere anche due voci diverse per aggiornare le persone sulla propria agenda giornaliera e altre notizie legate alla giornata.

Questa è la famiglia che Google ha scelto per il suo nuovo spot.

Ogni tanto c’è davvero bisogno di un’iniezione di positività!

Ban IT Mobile - 300x50 Générique

About halfblood

Figlio di Madreh e di Padreh nonché fratello di Sisteronzola (tralascio gli avi altrimenti facciamo notte!) nacqui dopo 22 ore di travaglio sulla bella costiera Sorrentina in una sera di TOT anni fa. Eterno giovane, sognatore e passionale vorrebbe citare in giudizio Marcello Cesena perché per il suo personaggio di Jean Claude si è ispirato a lui e al rapporto di Madreh Halfblood, ma perché immensamente buono d’animo non lo fa.
Ban IT 728x90 Générique