/Dubbi d’amore: quando succede il “patatrac”
dubbi d'amore

Dubbi d’amore: quando succede il “patatrac”

E se i dubbi d’amore portassero ad un patatrac emotivo?

QuoreH è sempre aperta a chiunque voglia scriverci, come Giorgio. Se vuoi fallo anche tu –> quoreh@ilpuntoh.com

“Ciao Hpunters, salto la parte dei “complimenti per la trasmissione” che poi ve la tirate, e vado diretto alla parte “sono un caso disperato”. Proviamo ad essere chiari e concisi: sono single da quasi un anno, ho incontrato vari ragazzi per un po’ di sano e reciproco sollazzo e per quanto mi son e ho sempre detto “questo è solo sesso” (leggetelo come lo direbbe la buon anima di Merope Generosa) è successo il “patatrac”! Mi sono preso benissimo per un tipo con cui tutto mi sembra perfetto: chimica fuori e dentro il letto; stessi interessi; ci si capisce al volo, e poi è bello come il sole. Lui peró ora sembra disinteressato mentre prima nn faceva che riempirmi di messaggi carini … e sapete cosa mi rode? Che io ora ci sto sotto, mi spiace questa situazione e non so proprio se sia il caso di tacere o tentare il tutto per tutto e dirgli le cose come stanno. Ma se poi glielo dico e scappa? C’ho 35 anni cacchio, e mi sento come un 16enne sfigato stile Dawsons’s Creek.

Giorgio”

Ciao Giorgio, Grazie mille per averci scritto e tranquillo anche se ci avessi fatto i complimenti per la trasmissione non è nostro costume tirarcela.

La tua situazione è alquanto ingarbugliata, per il semplice fatto che, a quanto mi par di capire, ti sei impostato una specie di “caccia libera” senza compromessi e/o legami impegnativi, ma ora ti ritrovi un po’ scottato come negli anni 2000 cantava Jennifer Page “…it’s just a little crush…”.

Detto questo, non credo che tu sia un caso disperato, ma credo semplicemente che questo ragazzo sia riuscito a sbloccare qualcosa in te che si era assopito, quasi spento a causa di quel meccanismo di difesa della mente umana che pur di non star di nuovo male tende a limitare, a impedire che si rifacciano determinate cose, tra cui l’innamorarsi dopo una pesante delusione.

La domanda che mi sorge spontanea, e che credo sia fondamentale per capire il da farsi, è: cosa ha dato la scintilla iniziale a questo “patatrac”? (quanto mi piace questa parola ed era da anni che non la sentivo)

É stata per caso le affinità tra le lenzuola? Forse il fatto che vi piacciano le stesse cose? (il che per esperienza personale non è sempre tutto rose e fiori), o forse l’aver percepito che con lui non è solo sesso?

Prova a trovare tu le risposte.

Io ti chiedo però una cosa: e se inconsciamente tu fossi pronto a rinnamorarti e il tuo cuore e cervello ti stiano mandando messaggi che tu però ti rifiuti di capire?

Fossi in te, proprio come una delle opzione che ti sei dato, tenterei il tutto per tutto, lo vedrei di persona (non farlo per messaggio che è da sfigati), magari invitandolo a casa e sorseggiando un buon bicchiere di vino (spero entrambi beviate alcolici, perché aiutano sempre a sciogliersi), gli direi con onestà e chiarezza quello che provi.

In bocca al lupo, e facci sapere, anche solo via email.

Figlio di Madreh e di Padreh nonché fratello di Sisteronzola (tralascio gli avi altrimenti facciamo notte!) nacqui dopo 22 ore di travaglio sulla bella costiera Sorrentina in una sera di TOT anni fa. Eterno giovane, sognatore e passionale vorrebbe citare in giudizio Marcello Cesena perché per il suo personaggio di Jean Claude si è ispirato a lui e al rapporto di Madreh Halfblood, ma perché immensamente buono d’animo non lo fa.