e il Portogallo dice SI

palavra do dia: Casamento [casamentu] (matrimonio – unione)

In data 17 Maggio 2010, il caro Cavaco Silva (foto), il pimpante e arizllo presidente della Repubblica Portoghese (molto piú pheego del nostro Napisan), ha firmato e dichiarato EFFETTIVA la legge che rende legali le unioni civili tra persone dello stesso sesso!

No dico… vi rendete conto? Un paese cosí conservatore e “retrogrado” (secondo alcuni) come il Portogallo che rende legali ste cose?!?! E noi cari italiani, e cari miei politici Italiani nulla facenti: stiamo a guardare? Aspettiamo di perdere altro rispetto per il genere umano? Aspettiamo che magari comincino anche a circolare libri liberamente offensivi per gli omosessuali?

C’é chi non sará d’accordo con le unioni tra gay, chi pensa (come uno con cui ho avuto uno scambio di idee) che l’accettazione dei matrimoni gay in uno stato non porta di conseguenza alla diminuzione dell’omofobia e della discriminazione sessuale: sará anche vero….ma almeno aiuta a far vedere i gay e il loro amore come una cosa normale e che non nuoce alla salute di nessuno!

Non voglio essere molto critico, ma ancora una volta, il livello di vergogna per quello che é il mio Paese ora…sale!

0 thoughts on “e il Portogallo dice SI

  1. Guarda che la situazione omofobica italiana è molto più grave di quello che scrivi. C’è una calma apparente, solo apparente.

  2. Visto? Due cose da festeggiare. Le unioni civili in portogallo e la mia nuova connessione internet. Appena ti becco su skype urlo : D

  3. @Kaos: é davvero cosí terribile??? Peggio di quanto la descrivo? Allora se é cosí (e io sono cattivo molto contro l’Italia) dobbiamo spaventarci sul serio! Grazie per il contributo!

    @Sam: Si si tesorino… tra 3 gg sn a Milano! :cheerful:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *