/Eurovision 2018: l’inviato speciale di #Titina18 alla seconda semifinale
Titina18-InviatoSpeciale-ESC2018

Eurovision 2018: l’inviato speciale di #Titina18 alla seconda semifinale

Cristian, l’inviato speciale di #Titina18 per questo Eurovision 2018, ha assistito alla seconda semifinale per noi direttamene dall’Arena a Lisbona.
Cosa avremo visto di differente noi da casa e loro sotto al palco di Esc2018?

Per la seconda semifinale sono riuscito a conquistare un posto in posizione molto migliore, esattamente sotto una delle due enormi telecamere panoramiche movimentate da bestioni svedesi dotati di bicipiti e polpacci che levatevi tutti.

Lisbona si sta popolando ogni giorno di più, infatti anche l’Arena era più piena rispetto alla prima semifinale. Grande partecipazione soprattutto da parte degli spagnoli e degli olandesi, due delle nazionalità più rappresentate ogni anno tra gli eurofans.

La serata è stata musicalmente meno interessante della precedente, il caso ha voluto che quasi tutti i pezzi migliorio fossero sorteggiati per martedì. Degna di nota soprattutto l’Australia, che ha scaldato gli animi del pubblico indubbiamente più di tutti gli altri concorrenti in gara, ma per come era vestita, meglio non parlarne che mi sale il “ma come ti vesti!?”.

Qualche fischio politico, ma pochi, per la Russia, che si conferma la nazione meno amata dagli eurofans (chissà perché).

Fatto sta che la sua esibizione è stata inaspettatamente applaudita da tutti, ma forse gli applausi erano pet il ballerino twink che ci stava svolazzando davanti.

Grande utilizzo, finalmente, di effetti speciali. Tra botti, fuoco e fiamme, siamo stati più volte abbrustoliti, ma la mia pelle alla fine della serata era incredibilmente liscia.

Tra le big 5, l’Italia quest’anno parte sicuramente svantaggiata rispetto alla Francia. Il pubblico non si è proprio risparmiato al momento di urlare “Mercy” a squarciagola, mentre la coppia Meta-Moro ha avuto una reazione ben più fredda al momento dell’intervento dalla green room.

 

In definitiva, le 4 queen dei gheis per quest’anno sono definitivamente Netta, Eleni Foureira, Saara Aalto e Jessica Mauboy.
A domani sera per la Finalissima di Eurovision 2018. Mi raccomando twittate con #Titina18 e #Esc2018!

Figlio di Madreh e di Padreh nonché fratello di Sisteronzola (tralascio gli avi altrimenti facciamo notte!) nacqui dopo 22 ore di travaglio sulla bella costiera Sorrentina in una sera di TOT anni fa. Eterno giovane, sognatore e passionale vorrebbe citare in giudizio Marcello Cesena perché per il suo personaggio di Jean Claude si è ispirato a lui e al rapporto di Madreh Halfblood, ma perché immensamente buono d’animo non lo fa.