Eurovision2019-tel aviv-Titina19

Eurovision 2019 – conosciamo i finalisti di diritto – Pt.2

Mancano solo 4 giorni alla prima semifinale di Eurovision Song Contest 2019 a Tel Aviv e domani finalmente si vola verso questa bellissima città per iniziare questa nuova avventura con IlPuntoH e #Titina19.

State sintonizzati sui nostri canali social perché il nostro Raffa sarà presente all’evento e lo racconterà live per voi.

Instagram –> @RaffailPuntoH

Twitter –> @IlPuntoH

Facebook –> Il Punto H – di Halfblood

Pronti a conoscere gli atri 3 artisti che sono già in finale per questo ESC2019?

S!Sters è un duo composto da Carlotta Truman (19 anni) e Laurita Kästel (26 anni)…e no, non sono sorelle! Entrambi hanno iniziato a cantare in tenera età e da allora hanno avuto numerose apparizioni come cantanti sia in gruppi che come solisti. Ora rappresenteranno la Germania all’Eurovision Song Contest 2019 a Tel Aviv dopo aver vinto “Unser Lied Für Israel”, il programma nazionale tedesco di selezione per questo ESC2019.

Carlotta Truman è stata presentata al pubblico quando aveva 9 anni: finalista al talent show tedesco Das Supertalent, seguito da un tour live di 3 settimane in tutte le principali città della Germania. Carlotta si è esibita dal vivo sulla tv nazionale più volte e ha vinto il German Rock and Pop Prize come miglior cantante in Germania all’età di 12 anni. Si è classificata seconda a The Voice Kids nel 2014 e si è esibita al Papenburg Festival di fronte a una folla di 25.000 persone. Carlotta ha numerose presenze solistiche ogni anno, ma lavora anche con band e orchestre rinomate. Nel 2017, Alex Christensen l’ha invitata a partecipare al suo progetto di album Classical 90s Dance. All’inizio del 2018, Carlotta ha iniziato l’anno con una performance dal vivo nello spettacolo televisivo Willkommen 2018 alla Porta di Brandeburgo a Berlino davanti a 750.000 spettatori. Nell’ottobre 2018, Carlotta ha iniziato un corso universitario di musica popolare presso l’Istituto Pop dell’Università di Hannover.

Laurita Kästel è originaria di Königsau, nella Renania, e ora vive a Wiesbaden. Sua madre, Teresa Kästel, è una cantante di origine filippina. Suo padre, Christoph Kästel, è un noto tastierista. Essendo parte di una famiglia di musicisti, Laurita ha fatto i suoi primi passi sul palco – insieme a sua sorella maggiore Jenniffer – all’età di quattro anni. Nel 2002, all’età di 10 anni, ha vinto il Kiddy Contest di ZDF e si è classificata al quarto posto come concorrente su Star Search. Dopo aver finito la scuola, Laurita ha iniziato a lavorare come musicista a tempo pieno e ha iniziato a scrivere le sue canzoni. Ha ottenuto il suo primo lavoro come cantante di supporto in tour per The Voice of Germany. Ha anche lavorato come cantante di back-up per artisti come Lena, Stefanie Heinzmann e Sarah Connor. Al giorno d’oggi è in procinto di comporre e produrre canzoni per il suo primo album.

Il duo porta in gara una canzone dal titolo “Sister” (originialissimo), una specie di storia di Paola e Chiara cantata dalle due tedesche… niente di emozionante a dire il vero, staremo a vedere a che posto si piazzeranno.

Qui il loro instagram e video

Bilal Hassani è un cantante, cantautore e star dei social media. Il talentuoso 19enne fenomeno ha vinto “Destination Eurovision” a Parigi, con il 35% del voto pubblico che ha conquistato la possibilità di rappresentare il suo paese all’Eurovision Song Contest 2019 a Tel Aviv. Bilal rappresenterà la Francia con la canzone “Roi”, un messaggio di auto-accettazione e speranza. La canzone è stata scritta con Madame Monsieur, che ha rappresentato la Francia l’anno scorso a Lisbona. Il video lirico ed emotivo che accompagna la canzone è già stato visto da milioni di utenti.

Bilal è più di un semplice artista: possiede un canale YouTube con video divertenti e memorabili che vengono visualizzati da oltre 2 milioni di persone, soprattutto nei paesi di lingua francese. Apre ogni video con “Bonsoir Paris!” e racconta in modo colorato la sua vita quotidiana. Le sue copertine di Djadja di Aya Nakumura e Made for Now di Janet Jackson hanno attirato l’attenzione dei loro rispettivi artisti e hanno ricevuto forti consensi dalle due cantanti.

La storia d’infanzia di Bilal è iniziata in Francia nel 1999, dove è stato cresciuto al suono di Freddie Mercury, David Bowie e Michael Jackson. Le sue influenze includono anche le dive degli anni ’90 come Mariah Carey e Whitney Houston. Oltre a questo, Bilal ha coltivato la passione per l’Eurovision Song Contest da quando ha visto Loreen esibirsi in Euphoria sul palco nel 2012. Nel 2015 ha dimostrato il suo carisma in “The Voice Kids” con una cover di Conize Wurst di Conchita Wurst.

Bilal è il simbolo di quei milioni di giovani di tutto il mondo che vogliono essere liberi e senza vergogna di essere fuori dagli schemi, e a noi piace un sacco! Roi contiene un messaggio vibrante sull’autoaccettazione in cui il pop urbano incontra la grande tradizione della chanson francese

Qui trovare il suo instagram e video

Il 27enne Kobi Marimi rappresenterà Israele all’Eurovision Song Contest 2019. Kobi è nato a Ramat Gan, in Israele, e ha iniziato a cantare all’età di 13 anni. Dopo aver conseguito il diploma al liceo, ha seguito la sua passione per il palcoscenico e ha studiato in uno studio di recitazione per 3 anni cercando di costruire la fiducia in lui che sentiva mancare. Ha ottenuto molto di più: Kobi ha perso più di 50 chili, ha recitato in diverse rappresentazioni teatrali e ha anche vinto un premio “Promise of the Year” per i suoi risultati.

Anche se Kobi ha continuato a recitare, non ha mai avuto una vera e propria esperienza musicale professionale fino a quando non ha deciso di partecipare e competere nel reality show Rising Star. Durante lo show, Kobi ha attirato sempre più l’attenzione del pubblico per il suo stile unico e le sue capacità vocali, che lo hanno portato a vincere la competizione di quest’anno e, consecutivamente, la possibilità di rappresentare Israele all’Eurovision Song Contest 2019 a Tel Aviv .

Da quando è diventato il rappresentante israeliano al contest, Kobi è diventato anche “l’amante” di questa piccola ma grandissima nazione. Il suo canto soul lo ha portato “a casa” (home) di tutti, che è anche il titolo della sua canzone in gara. Il brano è stato scritto appositamente per lui, portando la sua storia personale e le sue battaglie sul palco.

Staremo a vedere il giudizio in gara, e per ora qui trovate il suo instagram e il video della canzone.

Pronti a infuocare il twitter con gli ht #Titina19 e #Esc2019?

halfblood

Figlio di Madreh e di Padreh nonché fratello di Sisteronzola (tralascio gli avi altrimenti facciamo notte!) nacqui dopo 22 ore di travaglio sulla bella costiera Sorrentina in una sera di TOT anni fa. Eterno giovane, sognatore e passionale vorrebbe citare in giudizio Marcello Cesena perché per il suo personaggio di Jean Claude si è ispirato a lui e al rapporto di Madreh Halfblood, ma perché immensamente buono d’animo non lo fa.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *