Get Real – Vite Nascoste, l’amore tra i banchi di scuola ed una tazza di tè

“…ma da quando ho incontrato te, ogni volta che ti vedo io sento che … cosa c’è che non va in me?…”

hqdefaultV come Vite nascoste e mille altre cose, mille cose che ci portano a comporre il nostro bagaglio personale, e cos’è il liceo, lo so, siamo in piena estate, se non il trampolino di lancio della nostra vita? Un periodo dove veniamo formati per diventare gli uomini di domani, dove iniziamo a comprendere noi stessi; il periodo della confusione e delle domande.

Nel bel mezzo dell’estate IlPuntoH vi porta una toccante storia tra i banchi di scuola.

Pellicola inglese del 1998 (quanto erano già avanti…), tratta dalla pieces teatrale What’s Wrong with Angry? di Patrick Wilde che ha fatto parte del cast produttivo.

E’ considerato uno dei 50 film migliori a tema scolastico adolescenziale.

La Trama

MSDGERE EC004Steven Carter è un sedicenne gentile ed introverso che vive il liceo cercando di farsi notare il meno possibile, e questo lo porta ad essere vittima degli scherni da parte degli studenti più grandi che lo additano come finocchio, oltretutto Steven è omosessuale e questo lo porta a vivere un conflitto interiore per proteggersi. Tutto cambia quando ai bagni pubblici del parco, luogo di incontro per gay incontra John Dixon, uno dei ragazzi più popolari della scuola, e tra i due scatta qualcosa, ma al tempo del liceo tutto è difficile e l’opinione degli altri è considerata più importante della nostra felicità.

“…mentiamo solo per proteggere chi amiamo…”


Guardo questo film come una vecchia vedova che sfoglia l’album fotografico di tutta una vita, perso nei ricordi di un sentimento molto lontano, dopotutto il mio coming out, e primo ragazzo, son arrivati con l’ultimo anno del liceo (correva l’anno 2011 <3), e non è stato semplice, in primis per me, poi nel voler star sotto la luce del sole e questo film racconta tutto questo: un sentimento nuovo, la difficoltà di accettarsi e di farsi accettare, l’amore travolgente che ci fa girare la testa.

Un film semplice, impetuoso, una commedia dai toni caldi e reali, una pellicola che merita di rubarci tutto il tempo che vuole.

-“…tu l’ami?”

-“Steven… io amo te”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *