/GUS Kenworthy e lo storico bacio gay alle Olimpiadi di Pyeongchang
GUSKENWORTHY-baciogayPyeongchangIlpuntoH

GUS Kenworthy e lo storico bacio gay alle Olimpiadi di Pyeongchang

La stella dell sci, Gus Kenworthy (26 anni) ha rilasciato una fantastica e importante dichiarazione a Pyeongchang nel fine settimana, e le reazione al suo storico bacio gay alle Olimpiadi invernali del 2018 sono state tantissime e svariate.

Lo sciatore freestyle ha fatto la storia, un grande passo per la comunità LGBT mondiale, nel fine settimana con una semplice azione: condividendo un bacio con il suo fidanzato Matthew Wilkas poco prima di scendere sulle piste.

Il breve bacio è stato ripreso dalla telecamera della NBC e trasmesso in TV in tutto il mondo, scatenando un’ondata di festeggiamenti e lodi, ma – come dovevamo aspettarcelo – ci sono stati anche i soliti ignoranti omofobi che non hanno perso tempo a far inutilmente prendere aria alle proprie bocche.

Il 26enne ha risposto con un commento spettacolare a questo momento storico con un post su Instagram stamattina. (19 febbraio).

Accanto ad uno scatto del momento adorabile, ha scritto: “Kiss Kiss Bich!

“Non sapevo che questo momento sarebbe stato filmato ieri, ma sono così felice che lo sia stato. Da bambino non avrei mai sognato di vedere un bacio gay in TV alle Olimpiadi, ma per la prima volta in assoluto un bambino che guarda da casa puà farlo!”

Ha aggiunto: “L’amore è amore è amore”.

Prima del bacio, Kenworthy e Wilkas avevano già pubblicato una foto dove si tenevano per mano su Twitter.

Kenworthy è uscito nel 2015 dopo le Olimpiadi invernali di Sochi ed è diventato uno dei pochi olimpionici apertamente gay che partecipano ai Giochi invernali di quest’anno.

Durante la sua partecipazione ai Giochi, lo sciatore ha stretto una profonda amicizia con il pattinatore gay Adam Rippon, che ha vinto una medaglia di bronzo per gli Stati Uniti.

Durante le Olimpiadi invernali, la coppia ha ripetutamente parlato contro il vicepresidente Mike Pence che non ha fatto altro che macchiarsi di omofobia durante questi mesi di presidenza Trump.

Sarà l’inizio di una nuova era dove gli sportivi non si nasconderanno più e faranno da esempio, apri pista, per molti altri atti di normale amore in tv?

staremo a vedere.

Congratulazioni ragazzi!

Figlio di Madreh e di Padreh nonché fratello di Sisteronzola (tralascio gli avi altrimenti facciamo notte!) nacqui dopo 22 ore di travaglio sulla bella costiera Sorrentina in una sera di TOT anni fa. Eterno giovane, sognatore e passionale vorrebbe citare in giudizio Marcello Cesena perché per il suo personaggio di Jean Claude si è ispirato a lui e al rapporto di Madreh Halfblood, ma perché immensamente buono d’animo non lo fa.