/IDAHOT – Matrimonio Etero di Massa: una singolare protesta della chiesa Ortodossa Georgiana
idahot - ilpuntoh.com

IDAHOT – Matrimonio Etero di Massa: una singolare protesta della chiesa Ortodossa Georgiana

Mentre in Italia arrivano notizie interessanti e di un movimento di accettazione e non discriminazione da parte di alcuni esponenti importanti della Chiesa Cattolica, come potete leggere qui, la Chiesa Ortodossa Georgiana ha deciso invece di ribellarsi a questo giorno, IDAHOT, che celebra e incita all’accettazione delle diversità di ognuno di noi, con un Matrimonio di coppie Eterosessuali di Massa.

Giovedì (17 maggio) è la Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia; La Chiesa ortodossa georgiana sta promuovendo il proprio “Family Purity Day” in segno di protesta a questo IDAHOT, con matrimoni di massa per coppie eterosessuali.

IDAHOT 2018 - ilpuntoh.com

La Chiesa ortodossa georgiana protesterà contro IDAHOT sposando 400 coppie di sesso opposto

La Chiesa ortodossa georgiana celebrerà (a modo suo) la Giornata internazionale contro l’omofobia e la transfobia (IDAHOT) con la propria dimostrazione di “purezza familiare”. La chiesa della Georgia mirerà così a tenere 400 matrimoni di sesso opposto in tutta la regione e a livello internazionale questo giovedì. Questa non è la prima volta che la Chiesa intraprende azioni in opposizione ad IDAHOT, che si svolge ogni anno il 17 maggio.

Nel 2013, un rally guidato dai sacerdoti si è scontrato con i manifestanti per i diritti LGBTI a Tblisi, la capitale dell’ex Repubblica Sovietica. L’anno seguente, la Chiesa decretò il 17 maggio “Giornata della purezza familiare” in Georgia. Da allora ha continuato a celebrare la sua posizione anti-gay ogni anno e sempre più prepotentemente.

La scorsa settimana, il leader del gruppo conservatore, il Chokhosnebi del Patriarcato, ha detto a Netgazeti (la loro gazzetta online) che 20 matrimoni erano già stati confermati a Tblisi. Zviad Sekhniashvili ha anche detto che fino a 400 matrimoni si sarebbero svolti in tutto il paese (popolazione di 4 milioni) nel suo complesso.

Gli omosessuali e tutto il popolo LGBT+ affrontano un’omofobia diffusa nella società georgiana, con la chiesa ortodossa che continua a esercitare una grande influenza sull’opinione pubblica e sui politici. Lo scorso fine settimana, la polizia ha fatto irruzione nei famosi club techno di Tblisi proprio come raid omofobo. Benché si dica che i radi siano serviti a mettere in carcere i truffatori, Beka Gabadadze dell’associazione LGBTQI Temida ha dichiarato che i locali erano spazi LGBTI-friendly.

Gli attivisti LGBTI e attivisti per i diritti umani nel paese celebreranno l’IDAHOT con la loro dimostrazione giovedì. “La Chiesa ortodossa rappresenta i valori conservatori e promuove la retorica filo-russa in Georgia”, ha detto Giorgi Tabagari del Movimento per l’uguaglianza.

“Ciò comprende la lotta contro la libertà di riunione, il controllo dell’istruzione e il coinvolgimento in questioni governative. Alla fine della giornata, questo facilita una crisi di laicità. ‘Quanto a noi, stiamo progettando di protestare a prescindere dai gruppi radicali che probabilmente ci attaccheranno. Terremo una protesta di fronte al palazzo del governo il 17 maggio “.

E tu, come celebrerai l’IDAHOT?

 

Figlio di Madreh e di Padreh nonché fratello di Sisteronzola (tralascio gli avi altrimenti facciamo notte!) nacqui dopo 22 ore di travaglio sulla bella costiera Sorrentina in una sera di TOT anni fa. Eterno giovane, sognatore e passionale vorrebbe citare in giudizio Marcello Cesena perché per il suo personaggio di Jean Claude si è ispirato a lui e al rapporto di Madreh Halfblood, ma perché immensamente buono d’animo non lo fa.