Il Punto Seriale – American Crime Story

La legge è uguale per tutti, si dice, ma la storia dimostra che non è proprio sempre stato così.

O.J. Simpson, uno degli sportivi più amati d’ America, attore e testimonial di successo, viene accusato di aver assassinato a coltellate la ex moglie Nicole Brown e il compagno di lei Ronald Lyle Goldman, il 12 giugno del 1994. Nonostante le prove schiaccianti contro Simpson il processo, definito il più pubblicizzato della storia americana, vede l’assoluzione a sorpresa dell’imputato, grazie alla mefistofelica linea difensiva dei suoi avvocati. Questo verdetto scatenerà feroci polemiche che metteranno in discussione l’intero sistema giudiziario americano.

Il dream team di American Horror Story e Scream Queens produce un nuovo filone incentrato questa volta sulle grandi tragedie americane. E con American Crime Story – The People vs. O.J. Simpson, appena sbarcata in Italia su Fox Crime, fa ancora centro.

aa-6

Una serie estremamente elegante e curata, come il clan Falchuck e Murphy ci ha abituati. Ricostruzioni maniacali dei punti salienti di questa odissea e una squadra di attori da capogiro a cominciare da John Travolta e dal premio Oscar Cuba Gooding Jr. nei panni rispettivamente dell’ambiguo avvocato Robert Shapiro e di O.J. Simpson. La musa di American Horror Story Sarah Paulson è il procuratore distrettuale THE PEOPLE v. O.J. SIMPSON: AMERICAN CRIME STORY -- Pictured: David Schwimmer as Robert Kardashian. CR: Michael Becker/FX NetworksMarcia Clark. Il Ross di Friends David Schwimmer interpreta Robert Kardashian, avvocato e migliore amico di Simpson, nonchè padre delle famigerate sorelle Kim, Kourtney e Khloè, attualmente star di trash reality show e gossip spudorati.

Nonostante ovviamente si sappia già l’esito del processo, per lo spettatore è affascinante osservare come la difesa abbia virato l’attenzione dell’opinione pubblica su una questione razziale mettendo in piedi un vero e proprio circo mediatico che ha diviso a metà il paese, smontando pezzo dopo pezzo le prove dell’accusa e accanendosi contro l’avvocato della controparte Marcia Clark. Tutto ciò per far passare in secondo piano la presunta evidente colpevolezza dell’imputato. Un escamotage estremo ma diabolicamente efficace. Tutto ciò facilitato anche dai molteplici errori dell’accusa, il cui lavoro è stato giudicato approssimativo e raffazzonato.

Ovviamente non vengono dichiarati giudizi sulla colpevolezza di Simpson o meno, ma è interessante osservare come ogni personaggio reagisca in maniera personale e a volte totalmente inaspettata al verdetto finale. Lo spettatore diventa a tutti gli effetti un giurato, si fa sommergere dai fatti concreti dell’accusa e dalle teorie di complottismo della difesa. In ‘Le regole del delitto perfetto’, Annalise Keating insegna che per prima cosa bisogna screditare il teste e tempestare di informazioni la giuria, per poter così far serpeggiare il dubbio. Una strategia diabolicamente efficace.

Una menzione speciale per Sarah Paulson, autrice qui di una prova magistrale. In grado di rappresentare una donna forte ma contemporaneamente fragile, costretta a fronteggiare un branco di squali senza scrupoli che non esiteranno ad accanirsi anche su di lei. La sua presenza nelle produzioni della coppia Falchuck – Murphy è da sempre sinonimo di grande recitazione, ma qui supera davvero se stessa!

Questa serie è solo la prima di un filone in cui si ripercorreranno i grandi eventi della storia americana. E’ stato da poco annunciato dai produttori che la seconda stagione si concentrerà sull’uragano Katrina e sulle sue conseguenze sulla popolazione di New Orleans.

Intanto ecco il trailer di American Crime Story – The People vs. O.J. Simpson!

Sciaouz!

Tracio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *