Lituania-coppie gay

Il tribunale supremo della Lituania ha stabilito che i coniugi stranieri di cittadini gay dovranno avere accesso diretto ai permessi di soggiorno.

In una sentenza epocale di venerdì (11 gennaio), la corte ha denunciato la pratica di negare i permessi di residenza agli sposi gay come discriminatori e contro la dignità umana.

Infatti, secondo l’alta corte Lituana:

    “Il rifiuto di rilasciare i permessi di soggiorno non può essere basato solo sull’identità di genere o sull’orientamento sessuale”

Il dipartimento di migrazione in Lituania ha confermato che cambierà la sua politica e inizierà a concedere permessi di soggiorno a coniugi stranieri di cittadini gay.

Sentenza della Corte acclamata dagli attivisti gay della Lituania

Questo sembra essere il primo riconoscimento ufficiale di tutte le unioni dello stesso sesso in Lituania dove l’omosessualità è stata decriminalizzata nel paese solo nel 1993 e la costituzione definisce ancora il matrimonio come un’unione tra un uomo e una donna.

Vladimir Simonko, che guida la lega lituana dei gay, ha accolto la decisione e l’ha definita

 “una sentenza progressista che invia un messaggio importante alla nostra comunità e ai nostri politici LGBT.”

Aggiungendo poi,

“Spero che porterà ad un atteggiamento più positivo verso le famiglie gay”,

La lituania che si pronuncia a favore degli sposi gay attira alcune critiche come quelle della Conferenza episcopale cattolica della Lituania ha condannato la sentenza.

L’organizzazione ha affermato che la corte ha creato una “nuova categoria legale” per le famiglie con genitori omosessuali nel paese prevalentemente cattolico.” E la stessa Conferenza ha poi aggiunto:

“Il postulato secondo cui il concetto di famiglia è neutrale rispetto al genere non è in linea con gli insegnamenti della Chiesa […] Il matrimonio è la base della famiglia e si conclude sul libero mutuo consenso di un uomo e una donna”.

Le autorità in Lituania hanno compiuto alcuni passi verso l’uguaglianza LGBTQI negli ultimi tempi.

Nel 2017, il parlamento lituano ha celebrato la Giornata internazionale contro l’omofobia, la transfobia e la bifobia ospitando una mostra di foto scattate dall’artista Samanta Matuizaitė, in cui erano ritratti cittadini lituani queer.

Per l’occasione il municipio di Vilnius è stato illuminato con i colori dell’arcobaleno “per dimostrare che Vilnius è una città europea aperta e tollerante”.

Anche la Lituania sarebbe stata il primo paese a concedere asilo a ceceni gay e bisessuali in fuga dalle purghe gay del paese.

A due richiedenti asilo è stato permesso di rimanere in Lituania dopo essere fuggiti dall’epurazione, che ha provocato l’arresto, la detenzione e la tortura di oltre 100 uomini omosessuali in Cecenia da parte delle autorità dei campi di concentramento.

Tuttavia, ad agosto, l’ufficio della lega gay lituana è stato preso di mira da un incendio doloso.

Il gruppo ha detto che la porta d’ingresso e le persiane delle sue strutture sono state date alle fiamme in quello che chiamano un “attacco omofobico meschino”.

halfblood

Figlio di Madreh e di Padreh nonché fratello di Sisteronzola (tralascio gli avi altrimenti facciamo notte!) nacqui dopo 22 ore di travaglio sulla bella costiera Sorrentina in una sera di TOT anni fa. Eterno giovane, sognatore e passionale vorrebbe citare in giudizio Marcello Cesena perché per il suo personaggio di Jean Claude si è ispirato a lui e al rapporto di Madreh Halfblood, ma perché immensamente buono d’animo non lo fa.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *