/Insulti a Luxuria nella giornata della Festa della Donna

Insulti a Luxuria nella giornata della Festa della Donna

La notizia di un possibile Governo targato Lega non vi dispiaceva poi così tanto? In fondo, la Lega ha cambiato forma, mostrandosi più aperta alle problematiche sociali e più attenta alle esigenze anche delle minoranze, giusto? In realtà è cambiato veramente poco. O nulla.

Nella giornata della Festa della Donna, Daniele Rivolta, segretario della sezione della Lega di Castano Primo, ha deciso di distinguersi pubblicando un post che, probabilmente nelle sue intenzioni, avrebbe dovuto far ridere. Nell’immagine pubblicata da Rivolta compare Vladimir Luxuria, accompagnata dalla frase “Auguri, perché le donne hanno sempre una marcia in più. Alcune hanno persino la leva del cambio”. Un post di cattivo gusto, senza dubbio.

Fortunatamente è intervenuto l’Assessore alla Cultura di Castano Primo, Luca Fusetti, che non solo ha preso le distanze da quanto pubblicato, ma ha condannato l’atto giudicandolo omofobo. Fusetti, inoltre, ha invitato Rivolta a rassegnare le proprie dimissioni.

Il segretario della Lega ha risposto all’Assessore, affermando: “l’omofobia non mi appartiene, tutt’altro”. Parole che sembrano una presa in giro, soprattutto leggendo il resto della risposta pubblicata su Facebook. Secondo Rivolta, infatti, la pagina personale del social network sarebbe “un mezzo per comunicare in maniera simpatica, personale e diretta alle persone…può anche mantenere il blocco attivo sulla mia pagina, così da non rimanere “offeso” da un meme, che tantissime persone di ogni genere hanno apprezzato, facendoci una risata sopra”. La giustificazione sembra addirittura più offensiva del meme. Aver fatto ridere numerose persone insultando una persona transessuale sarebbe, secondo Rivolta, motivo di vanto perchè “fare sorridere una donna, per me è sempre stata la cosa più importante“.

Probabilmente Rivolta farebbe bene ad imparare la differenza che esiste tra “ridere” e “deridere”. Far sorridere una donna è azione nobile; deriderla, al contrario, non è “goliardia” ma pura maleducazione.