Isral Folau licenziato - ilpuntoh

Israel Folau è stato licenziato da Rugby Australia per i suoi commenti omofobici su Instagram.

La star dei Wallabies ha ricevuto 48 ore per accettare la sanzione o scatta il licenziamento secondo il codice di condotta della società.

Folau, cristiano evangelico, che ha 73 presenze con la nazionale australiana, lo scorso anno ha ricevuto un avvertimento dal Rugby Australia per i suoi messaggi omofobi e transfobici condivisi sui social media.

Il giocatore del New South Wales Waratahs ha ripreso la sua campagna di odio contro la comunità LGBTQ la scorsa settimana dopo aver condiviso un post su Instagram che diceva “l’inferno attende” i gay.

israel falou omofobia ilpuntoh

E ora, gli sono state date 48 ore per accettare la sanzione da Rugby Australia o sottoporsi al codice di condotta della società.

L’amministratore delegato di Rugby Australia, Raelene Castle ha dichiarato:

“Israel è stato avvertito formalmente e ripetutamente di quelle che sono le aspettative  in quanto giocatore dei Wallabies e il NSW Waratah per quanto riguarda l’uso dei social media e non ha rispettato tali obblighi. Gli è stato chiarito che qualsiasi post sui social media o commenti che siano in qualche modo irrispettosi verso le persone a causa della loro sessualità si tradurranno in azioni disciplinari”.

La star dei Wallabies avrebbe dovuto essere una parte fondamentale della squadra australiana di Michael Cheika in Giappone per la Coppa del Mondo di quest’anno, ma a causa delle proprie convinzioni estremiste religiose, anche se fosse stato ancora contrattabile, non sarebbe stato opportuno inserirlo in squadra.

 

“Non avresti potuto inserirlo. L’ultima volta abbiamo avuto una discussione accesa dove gli ho reso abbastanza chiaro il fatto che ha il diritto di credere in ciò che vuole e che noi lo supportiamo in questo, ma farlo pubblicamente e in modo irrispettoso non è nei valori del nostro team. Quando giochi nella nostra squadra, rappresenti tutti in Australia, TUTTI!”

halfblood

Figlio di Madreh e di Padreh nonché fratello di Sisteronzola (tralascio gli avi altrimenti facciamo notte!) nacqui dopo 22 ore di travaglio sulla bella costiera Sorrentina in una sera di TOT anni fa. Eterno giovane, sognatore e passionale vorrebbe citare in giudizio Marcello Cesena perché per il suo personaggio di Jean Claude si è ispirato a lui e al rapporto di Madreh Halfblood, ma perché immensamente buono d’animo non lo fa.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *