ISraelFolau-ilpuntoh

Joe Marler spamma Israel Folau con tanti baci gay

La star inglese del rugby, Joe Marler, ha avuto la migliore risposta all’esplosione anti-LGBT di Israel Folau: un’indozione con immagini di baci gay sui social media di Israel.

 

Il giocatore degli Harlequins Marler, che ha giocato per l’Inghilterra prima di annunciare il suo ritiro dal rugby internazionale lo scorso anno, ha subito mostrato il suo sostegno alla comunità LGBTQ dopo che Israel Folau ha condiviso un post su Instagram mercoledì (10 aprile) sostenendo che “l’inferno attende” gli omosessuali.

In una serie di tweet inviati direttamente a Folau, Marler ha allegato immagini e GIF di uomini che si baciano, in una dimostrazione di umorismo che è stato elogiato dai colleghi giocatori e fan LGBTQ allo stesso modo.

Non è la prima volta che Marler ha ridimensionato pubblicamente Folau per le sue opinioni aberranti: lo scorso novembre, l’atleta del Sussex ha condiviso un meme su Instagram che mostra un Folau dall’aspetto scoraggiante accanto alla didascalia “Quando vedrà tutti i lacci arcobaleno questo fine settimana” – un riferimento alla campagna che ha visto le stelle dello sport indossare lacci a marchio Pride durante le partite per mostrare solidarietà alle persone LGBTQ nello sport.

Nel frattempo, il Rugby Australia ha annunciato l’intenzione di licenziare Folau in seguito alle sue ultime odiose osservazioni, dopo che il giocatore australiano (e cristiano evangelico) ha ricevuto un avvertimento su post altrettanto bigotti l’anno scorso.

Una dichiarazione rilasciata dall’amministratore delegato dell’ RA Raelene Castle e dal CEO di NSW Rugby Union, Andrew Hore, ha dichiarato:

“Il Rugby Australia e il New South Wales Rugby Union hanno ripetutamente tentato di contattare Israel direttamente e tramite i suoi rappresentanti dalle 18:30 di mercoledì, senza però essere riusciti a comunicare con lui. Mentre Israel ha diritto alle sue convinzioni religiose, il modo in cui ha espresso queste convinzioni è incoerente con i valori di questo sport. Vogliamo chiarire che non parla in nome del Rugby con i suoi recenti post sui social media. Israelenon è riuscito a capire che l’aspettativa di lui come dipendente del Rugby Australia e del NSW Waratahs è che non può condividere materiale sui social media che condanna, diffama o discrimina le persone sulla base della loro sessualità. Il rugby è uno sport che lavora continuamente per unire le persone. Vogliamo che tutti si sentano sicuri e benvenuti nel nostro gioco e nessuna diffamazione basata su razza, genere, religione o sessualità è dunque accettabile come l’uso di nessun linguaggio che isoli, divida o offenda le persone in base a qualsiasi di questi fattori può essere tollerato. Come da regolamento abbiamo chiarito a Israel in modo formale e ripetuto che i post sui social media o i commenti che sono in qualche modo irrispettosi verso le persone a causa della loro sessualità si tradurranno in azioni disciplinari. In assenza di fattori attenuanti convincenti, è nostra intenzione terminare il suo contratto.”

halfblood

Figlio di Madreh e di Padreh nonché fratello di Sisteronzola (tralascio gli avi altrimenti facciamo notte!) nacqui dopo 22 ore di travaglio sulla bella costiera Sorrentina in una sera di TOT anni fa. Eterno giovane, sognatore e passionale vorrebbe citare in giudizio Marcello Cesena perché per il suo personaggio di Jean Claude si è ispirato a lui e al rapporto di Madreh Halfblood, ma perché immensamente buono d’animo non lo fa.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *