Laura Pausini tra ideali e marketing

Laura Pausini ultimamente ne sta combinando una più del diavolo.

Prima affronta un volo aereo molto lungo senza la possibilità di sedersi accanto alla sua bambina e vai di polemiche a mezzo stampa e social. Poi piazza la figlia in un suo videoclip e giù querelle sulla privacy. A cui lei ha risposto per le rime.
Adesso torna a fare la paladina degli omosessuali invocando le nozze gay.

Insomma, se c’è odore di polemica, la Pausini ci si getta a bomba. Con un compagno fedele e una bella bambina al seguito, intervistata da Repubblica, la Laurona nazionale si è sentita chiedere a quando le nozze. Ed ecco la risposta:

Stiamo bene così, non abbiamo bisogno di un documento per certificare il nostro amore. Magari in un futuro ci servirà per ragioni burocratiche, ma finché non diventa necessario preferisco non farlo. Il mio diritto non è uguale a quello della mia migliore amica che è lesbica e che invece vorrebbe sposarsi.La mancanza di una legge in Italia che riconosca i matrimoni tra persone dello stesso sesso mi fa molto innervosire: sono passati troppi anni per continuare a non capire, per essere ancora così ottusi e chiusi. E l’Italia da questo punto di vista è uno dei paesi più antichi. Siamo troppo bloccati. Dio ci ha insegnato che siamo simili e invece mi rendo conto che non siamo trattati tutti nella stessa maniera, come esseri umani.

Belle parole, per carità, soprattutto se pronunciate da una presunta icona gay. Sarà un caso che stia uscendo anche il suo ultimo album? E che Laura forse sia fedele al vecchio detto ‘Nel bene o nel male, purchè se ne parli?’ La domanda che mi faccio è: ideali o marketing? O tutti e due?

a-laura-3

Non si sa, ad ogni modo la notizia ha fatto, ovviamente, il giro del mondo scatenando ovazioni di fans strillanti che vedono nella loro idola una paladina dei diritti arcobaleno. Parlarne fa sempre bene, ci mancherebbe altro, ma personalmente diffido dagli artisti che fanno sparate del genere quando guarda caso hanno un disco o un film in promozione.

A Laura vanno riconosciuti tanti meriti come l’aver portato la musica italiana all’estero, essere stata la prima donna ad aver riempito lo stadio di San Siro e aver organizzato il meraviglioso concerto Amiche per l’Abruzzo. I suoi pregi li ha, ma tirare in ballo i diritti della sua amica lesbica suona molto come ‘Io ho un sacco di amici gay, sono così carini e sensibili!’

Laura, quale sarà la tua prossima polemica? Pillole astiose! Con chi se la prenderà prossimamente Laura Pausini??

copertina

1 – Kinder sorpresa. Non si decidono a riesumare le Tartallegre, impedendole così di finire la sua collezione iniziata nel ’91.

2 – Lilli Gruber. Il Fascio di luce che si spara in faccia durante Otto e mezzo è più potente di quelli che lei utilizza durante i concerti.

3 –  Poste italiane. All’ufficio di Solarolo non ci sono abbastanza sedie per chi aspetta e deve sempre stare in piedi mentre è in fila per pagare le bollette.

4 – Ryan Air. Le noccioline sugli aerei sono un po’ rafferme.

5 – Benedetta Parodi. Non l’ha più invitata a cucinare, dopo che la volta precedente Laura si era scofanata il maiale in umido prima di andare in onda.

Sciaouz!

Il contenuto del presente articolo riflette esclusivamente le opinioni personali dell’autore. Le affermazioni, descrizioni e conversazioni incluse nel presente sono frutto di pura immaginazione e della fertile fantasia dell’autore. In nessun caso si intende attribuire ai personaggi fittiziamente descritti alcuna opinione, idea e/o si intendono descrivere abitudini e/o consuetudini di personaggi celebri a fini dello sfruttamento della relativa immagine. Le immagini riportate sono di pubblico dominio e non sono coperte da diritti di proprietà intellettuale

4 thoughts on “Laura Pausini tra ideali e marketing

  1. Laura non ha bisogno di farsi pubblicità per vendere dischi considerando che ormai vende sempre e di tutto.
    In passato comunque ha più volte fatto dichiarazioni a favore dei gay al di la dei dischi o meno.
    Inoltre lei è una persona limpida, dice e fa quello che le pare in genere.

    1. Non la conosco personalmente e quindi non posso giudicare la persona in sé.
      Diciamo che con queste dichiarazioni fa parlare di sé e male non fa, dal momento che è in promozione con il suo nuovo album.
      Un colpo al cerchio e un colpo alla botte 😉

  2. Sto ancora ridendo per le pillole anche se credo che @disqus_Z6xzbKwNa7:disqus abbia comunque ragione sul fatto che la Laurona nazionala non abbia bisogno di pubblicità tanto, tutto quello che tocca diventa oro. Però è anche vero che cmq facendo parlare di se per questioni molto delicate e importanti proprio mentre sta lanciando il suo nuovo disco le procura un sacco di pubblicità. Bella Laura mia… quanto mi piaci! La ricordo ancora quella volta dopo il concerto a Napoli nel suo camerino mentre si struccava e chiacchierava con noi suoi fanZ!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *