Lory The (First) Lady

Pechino Express è appena terminato e, nonostante abbia vinto la coppia dei Socialisti, la vincitrice morale è considerata all’unanumità Lory Del Santo.

1888d5c89fc65ba5fbf4c9d6ab35315b58 anni di cui la maggior parte passati all’insegna del rock. Dopo l’esordio nelle succinte vesti di ‘bigliettaia’ nello show culto degli anni 80 ‘Drive In’, si tuffa a capofitto nell’arte e nella cultura di quell’epoca, frequentando gli ambienti più all’avanguardia in circolazione. La sua incredibile bellezza, unita al sapersi trovare nel posto giusto al momento giusto, la fanno diventare compagna della leggenda della musica Eric Clapton. Ma non solo: nel suo palmarés troviamo anche uomini d’affari e prestigiosi imprenditori.

E’ degli ultimi anni, invece, la conversione ai toy boys come l’attuale Marco Cucolo, con cui ha partecipato all’ultima edizione di Pechino Express. E proprio il reality game di Rai2 ci ha consegnato una Del Santo scatenata e senza paura di niente. Bollata come ‘anziana’ nella prima puntata, ha affrontato le prove più pericolose sempre a testa alta e con un piglio da vera guerriera, classificandosi al terzo posto dietro ai formidabili Contribuenti e ai Socialisti. Nemmeno il tempo di dire addio a Costantino Della Gherardesca, ed è già tornata alla ribalta sui rotocalchi. In attesa di lanciare la terza stagione della trash web serie di enorme successo ‘The lady’, Lory ha dichiarato di aver avuto un breve flirt nientepopodimenoche con il fresco Presidente degli Stati Uniti Donald Trump.lory-del-santo_980x571

Alla trasmissione radiofonica di Rai2 ‘Un giorno da pecora’, la regista di ‘The lady’ ha dichiarato:

Una volta abitavo al Trump Tower a New York. Lo incontrai nell’ascensore. Arrivammo all’ultimo piano, mi disse se volessi andare con lui. Io ero così in estasi che mi ero dimenticata di scendere al mio piano. Non entrai a casa sua, ma ci scambiammo il numero di telefono. E lui mi richiamò. Mi è venuto a trovare. Io stavo in una casa che stavo ristrutturando e dove non c’erano mobili e arredamento. Non abbiamo ‘concluso’ perché lì non c’era nulla, nemmeno un letto.

Insomma, ci fosse stato un lettone ora forse Lory Del Santo sarebbe First Lady! Altro che l’orto bio di Michelle Obama, chissà che cosa si sarebbe inventata la nostra eroina pur di lasciare il segno.

Pillole presidenziali! Cose farebbe Lory se fosse la padrona di casa (Bianca).

1 – Autrice dei mefistofelici intrighi di ‘The Lady’, si propone come capo dell’ F.B.I.

2 – Fa costruire la biblioteca Del Santo, in cui verranno esposte le sue massime più celebri.

3 – Tramuta l’orto di Michelle Obama in un enorme prato in cui far pascolare le stambecche di ‘The Lady’ tra una puntata e l’altra.

4 – Fa prescrivere il toy boy come medicina passata dalla mutua per combattere gli effetti della menopausa.

5 – Mette a capo dell’Actor’s Studio Costantino Vitagliano.

Lory sei tutti noi! Non ti curare di Trump, noi ti vogliamo qui in Italia, con le tue massime e le tue follie!

Sciaouz!

Tracio

Il contenuto del presente articolo riflette esclusivamente le opinioni personali dell’autore. Le affermazioni, descrizioni e conversazioni incluse nel presente sono frutto di pura immaginazione e della fertile fantasia dell’autore. In nessun caso si intende attribuire ai personaggi fittiziamente descritti alcuna opinione, idea e/o si intendono descrivere abitudini e/o consuetudini di personaggi celebri a fini dello sfruttamento della relativa immagine. Le immagini riportate sono di pubblico dominio e non sono coperte da diritti di proprietà intellettuale.

Fonti immagini: Facebook Pechino Express, Youtube, Web.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *