Meravigliosi Anni 80

anni 80

Quei meravigliosi anni 80: chi resta e chi va via.

Vita vissuta al limite di tutto, eccessi, capelli cotonatissimi, spalline che l’apertura alare di un albatross è nulla a confronto e tante paillettes e lustrini: erano gli anni 80!

Se non ci sei nato negli anni 80 o almeno li hai attraversati e vissuti non puoi capirli appieno ma di certo potrai apprezzarli come noi de ilPuntoH.

anni 80E per chi come me, o anche il Tracio, è nostalgico e appassionato degli anni 80, tanto che (sì lo confessiamo) nascosti nei nostri armadi ci sono ancora quelle tute sintetiche dai colori impossibili e quelle giacche con spalline da farci sembrare larghi quanto armadi a 4 ante, questo 2016 non possiamo proprio digerirlo!  E meno male che tra solo 1 giorno se ne va fuori dai c… calendari!

Ma vi pare possibile che da qualche anno a questa parte ma soprattutto quest’anno ci sia stata una e vera propria moria dei nostri beniamini internazionali degli anni 80?

Chi mi apre le danze? Michael Jackson, the king of POP che tira le cuoia in situazioni ancora da chiarire. Tralasciando le sue vicissitudini personali, Michael lascia un vuoto incolmabile nel panorama musicale dei nostri anni, ma ci consegna in eredità tantissimi pezzi che hanno fatto e sicuramente faranno da colonna sonora a momenti della nostra vita.

anni 80 rare-whitney-houston-photos-straightfromthea-7Poi ci si mette anche la Black Queen che con un solo acuto avrebbe potuto abbattere il muro del suono: Whitney Houston. Anche qui, una vita sempre al limite dell’umano tra il marito che la picchiava e il suo continuo tornare da lui: un amore malato ma talmente malato che, come poi si è dimostrato, ha fatto del male anche alla loro unica figlia morta poco dopo la madre. Whitney, muore nella suite 434 del Beverly Hilton Hotel l’11 Febbraio del 2012, e anche qui le condizioni sono poco chiare. C’è chi parla di overdose, chi parala di malore, chi di infarto ma nessuno fa chiarezza sulla sua morte. Whitney, come abbiamo già detto anche qui, ci lascia in eredità decine e decine di brani stupendi che non smetteremo mai di ascoltare.

Come dimenticare il poliedrico e metrosexual Prince? Figura discutibilissima degli anni 80, dalle acconciature e look sempre più diverse e fantasiose. Grazie per la tua Purple Rain che risuona spesso tra le mie playlist.

Altre icone degli anni 80 purtroppo non hanno superato questo bisesto e funesto 2016: ultima in ordine è la nostra Principessa Leila. Certo non sarò un grande fan di Star Wars (e ora mi ucciderete lo so) ma come non ricordare Carrie Fisher, le sue acconciature a cuffia e il suo costume ripreso poi da milioni di fans durante le feste in maschera? Principessa, ci piace pensare che ora sei andata su una galassia molto lontana ma a noi hai lasciato il ricordo dei tuoi sorrisi immensi, grandi e solari.

anni 80 george michaelE George…caspiterina George! Cosa mi combini? Mi crepi così d’improvviso proprio il giorno di Natale?

George Michael, forse tra i personaggi più discussi, discutibili e geniali degli anni 80, incarna la figura di un paladino dei diritti LGBT essendo a lungo stato l’idolo di tutte le ragazze (mia madre inclusa) facendo trapelare mai nulla di concreto, e senza mai fare un coming-out chiaro, esplicito, è riuscito a dire al mondo intero “sono gay, e allora?” con una classe e una genialità uniche.

Ricorderete tutti quando nel 1997 fu accusato e processato per atti osceni in luogo pubblico (è poco chiaro se avesse fatto sesso in un bagno pubblico o avesse fatto delle avances ad un poliziotto che era  lì a fare pipì), una batosta mediatica da spaventare anche Berlusconi, ma come si riprende dalla situazione in cui tutti noi saremmo morti di vergogna seppellendoci vivi? Fa uscire “Outside”, un vero e proprio inno a vivere se stessi in maniera libera, alla luce del sole e a fregarsene dei giudizi della gente, e il videoclip della canzone è tutto un programma!

Allora noi de ilPuntoH vi abbiamo interrogato su twitter chiedendovi quale fosse per voi il brano più rappresentativo di George Michael, ed ecco cosa avete risposto.

Caspita raga, e ora chi ci resta di vivo di questi anni 80 tanto amati? Elton John che pare goda di buona salute, quindi stiamo tranquilli; Madonna…che per quanto “anzianotta” ci da dentro di brutto e i bollettini medici dicono che sia sana come un pesce, quindi anche qui stiamo tranquilli; Boy George zitto zitto, continua la sua vita senza grosse notizie, quindi non ci desta preoccupazioni…ma aspettate! Poi c’è lei! L’highlander della musica mondiale, colei che non è chiaro se esistesse prima degli egizi o sia arrivata in concomitanza con la nascita di Cristo (non l’ex di Madonna, ma quello di Nazareth), colei che ha le cosce più belle del mondo e che è paladina dei diritti LGBT già da prima che venissero richiesti, CHER!

Amica mia tieni duro che il 2016 sta finendo! Li hai visti crepare tutti (o quasi) non mollare che ci piaci così!

Buon 2017 a tutti amici!!

One thought on “Meravigliosi Anni 80”

  1. ‘Nascosti nei nostri armadi ci sono ancora quelle tute sintetiche dai
    colori impossibili e quelle giacche con spalline da farci sembrare
    larghi quanto armadi a 4 ante’… Ma parla per te! 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *