Once Upon A Star : Madasun

madasunNella lunga lista delle girl band fallite resta ormai poco spazio.
Tutte quelle nate negli anni ’90 sono sparite lasciando poche tracce e quelle che hanno provato a resuscitare sono morte due volte.
Come sapete o dovreste aver capito dai miei gusti musicali, le ho seguite quasi tutte anche quelle più imbarazzanti. Ammetto che ancora oggi quando ascolto un pezzo delle Spice Girls ritorno un ragazzino impazzito.
Nella mia lista non posso non ripescare le Madasun, girl band con un buon potenziale ma che ha avuto vita breve.

Nel 1997 cinque ragazze inglesi ancora senza contratto discografico, cercano di sfondare nel mondo della musica cantando ai concerti delle B*Witched e degli Steps.
In seguito le cinque ragazze diventarono tre e dopo tanta gavetta riescono a firmare un contratto discografico con la V2 Records.
Nel 1999 Vonda, Abby e Vicky si presentano al grande pubblico col nome Madasun.
Dopo aver supportato i Boyzone e i 5ive in tour nel 2000 debuttano ufficialmente con il singolo Don’t You Worry.

Dal look lesbo e dal sound interessante, la band conquista l’Italia grazie alle apparizioni al Festivalbar e a TMC2.
In Inghilterra invece le cose non vanno bene. Il disco di debutto The Way It Is non vende nemmeno una copia tra i parenti.
Nel 2001, ad un anno dal debutto, le Madasun si sciolgono definitivamente dopo che la casa discografica decide di licenziarle senza troppi complimenti.

Col cuore spezzato (per due secondi) ho dovuto scovare un’altra band, ma mi sono sempre chiesto che fine avessero fatto le Madasun.
Dopo tante ricerche sono riuscito solo a scoprire che Vonda (quella coi capelli neri in foto) è diventata mamma di due bambini e fa la presentatrice di televendite per il canale QVC mentre Abby (quella coi capelli rossi in foto), lesbica dichiarata (che avevo come amica anni fa su Facebook) se ne va in giro per la Nuova Zelanda a salvare le foreste.

Madasun anche se mi avete spezzato il cuore ancora oggi avete un posto nella mia libreria di Londra…

madasun4

  • Klauz

    Ciao ottima idea questo blog, dunque anchio seguivo loro, per quel periodo erano una girlband decisamente atipica, sembravano destinate a scalare le montagne ma purtroppo il "crudele" mercato discografico le ha fatte fuori (potevano trasferirsi qui da noi che facevano prima).

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *