L’ho mollato perché ce l’ha piccolo

Qualche giorno fa stavo parlando con un amico, uno di quelli che vede il cassiere all’Esselunga e si innamora. Poi passa quello della security e si innamora di nuovo e così via. Scusa ama, ma fai proprio così!

Fatto sta che in palestra ha attaccato bottone con quello che lavora all’accoglienza, si sono scambiati il numero e si sono bevuti una birra per conoscersi un po’. Lui in brodo di giuggiole, innamorato perso e in procinto di scegliere i nomi dei figli. Senonché un paio di giorni dopo lo invita a casa, dove fanno sesso. Al momento di togliergli le mutande il mio amico l’ha presa benissimo

Esatto, avete capito bene. Il tipo in questione aveva il pisello piccolo e alla fine il mio amico ha perso l’interesse. Non giudicatelo male, anche se vi viene spontaneo. Lui dice sempre che “essendo stato abituato per 4 anni col mio ex che aveva un baobab in mezzo alla gambe non posso accontentarmi delle misure small. Neanche lo sento!”.

Non possiamo negarlo, il sesso è il nodo centrale della coppia. Va bene la complicità, l’affetto, l’amore eccetera, ma l’intesa sessuale è il cardine e il fulcro del 99% dei rapporti occasionali o meno. Quindi cosa fai se il ragazzo che ti piace non soddisfa le tue aspettative?

Le opinioni su Twitter sono state contrastanti. C’è chi ha accusato la maggioranza di mentire

E c’è chi in effetti ammette di averlo fatto senza remore

Al contrario, c’è chi percepisce questa possibilità come il fumo negli occhi

Nonostante la maggior parte delle persone che ha risposto al sondaggio abbia dichiarato di non aver mai interrotto una frequentazione per le dimensioni del pene del partner, in realtà un nutrito gruppo ha ammesso di averlo fatto oppure che lo farebbe.

Diciamola tutta, siamo sempre pronti a fare discorsi filosofici sulla bellezza interiore ma poi a conti fatti quanto diamo importanza a dettagli più superficiali? Quanto siamo disposti a sacrificare affinché chi frequentiamo risponda a certi canoni estetici più o meno opinabili?

E soprattutto: viviamo in una società troppo fallocentrica? E ci nascondiamo dietro un dito pur di non ammettere di essere meno profondi di quanto pensiamo?

Dedalus

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *