Pete Buttigieg contestato con cori omofobi in Iowa

pete buttigieg - ilpuntoh

Il candidato alle presidenziali, apertamente gay, Pete Buttigieg è stato accolto ieri da alcuni manifestanti anti-gay in Iowa che gli hanno rivolto messaggi omofobici.

I fatti si sono verificati durante due delle apparizioni di Buttigieg in Iowa ieri, secondo la CNN. Ad un evento, due manifestanti hanno gridato “Ricorda Sodoma e Gomorra” a Buttigieg. La citazione fa riferimento alle città bibliche in cui i residenti erano dediti a “immoralità sessuale” e vennero così puniti con il “fuoco eterno”.

In un’altra contestazione, un manifestante si è rivotlo ai presenti in sala dicendo:

“Nonni, volete che i vostri nipoti seguano il suo esempio? Dio ci ama … ma lui è d’accordo con l’uccisione di bambini non ancora nati.” (riferendosi all’aborto e al fatto che coppie gay non possono avere figli naturalmente).

Dopo che l’uomo è stato fatto allontanare con l’intervento della sicurezza, Buttigieg, che è sindaco di South Bend, Indiana, ha disinnescato la tensione con uno scherzo.

“Quel signore crede che quello che sta facendo sia in linea con le volontà del creatore, io la vedo diversamente. Dovremmo essere in grado di vederlo in modo diverso e non mettere mai in discussione le scelte dell’altro […] La buona notizia è che il destino della mia anima è nelle mani di Dio, ma quello dei Caucus dell’Iowa sono nelle vostri mani.”

Parlando alla CNN dopo i suoi due interventi in Iowa, Buttigieg ha detto:

“preferirei avere quel tipo di dibattiti in un modo rispettoso, invece di continue interruzioni, ma un presidente dovrà affrontare cose più difficili dell’essere interrotto in un discorso”.

Nel frattempo, un elettore ha anche chiesto a Chasten, il marito di Buttigieg, cosa ne pensava dei distrubatori. Ha risposto: “Dobbiamo andare oltre la divisione ed è per questo che siamo qui a parlare con voi”

Buttigieg si è aperto in passato per le sfide che ha affrontato facendo coming out come gay e ha ufficialmente annunciato la sua candidatura per le elezioni presidenziali del 2020 la scorsa domenica.

In un’intervista con Rachel Maddow, che è andata in onda ieri, Buttigieg ha spiegato di non aver parlato dell’essere omosessuale fino a 33 anni, perché non si sentiva pronto.

“C’è questa guerra che scoppia penso dentro un sacco di persone quando si rendono conto che potrebbero essere qualcosa di cui hanno paura. E mi ci è voluto davvero tanto tempo per risolverlo.”

L’apertura di Pete Buttigieg potrebbe essere parte fondamentale per il suo sostegno politico. Alcune star di Hollywood tra cui Ryan Reynolds, Jane Lynch di Glee, Bradley Whitford della West Wing e Mandy Moore di This Is Us sono tra coloro che hanno fatto donazioni alla sua campagna.

Pete, per favore, Make America Great and Gay Again!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *