/Il Punto Seriale – Dimension 404

Il Punto Seriale – Dimension 404

Personalmente, a me Lea Michele, star assoluta di ‘Glee’, non è mai piaciuta. Forse, in virtù del personaggio che le ha dato la notorietà mondiale, Rachel Berry, l’ho sempre trovata troppo perfettina, classica, scialba e anonima. Una come tante.

A livello musicale, poi, non ne parliamo: è perennemente in tour, nonostante non abbia mai inciso un vero successo. Al contrario, il suo percorso televisivo mi sembra decisamente più interessante. Dopo aver chiuso ‘Glee’, è riapparsa con un ruolo da protagonista nell’irriverente e geniale serie ‘Scream Queens’. E ora eccola fare capolino nel pilota di ‘Dimension 404’, nuova serie antologica in onda sul canale Hulu.

Ma di che si tratta? In questo prodotto, viene affrontato il lato oscuro dell’era digitale in maniera comica e horror allo stesso tempo. Prendendo caro l’esempio di ‘Black Mirror’, ogni puntata è slegata dalle altre. E cambiano anche gli attori. Solo la voce narrante è la stessa: quella di Mark Hamill, il leggendario Luke Skywalker di ‘Guerre Stellari’.

Ogni puntata inizia in maniera del tutto ordinaria, per poi evolversi in modo assurdo e al tempo stesso inquietante, senza mai scadere nel ridicolo: il tutto, infatti, è orchestrato con grande maestrìa da chi sa esattamente come dosare differenti generi senza risultare patetico o dare l’impressione del già visto.

Vediamo, così, delle semplici azioni ormai comuni, come iscriversi a un’app di incontri online, andare al cinema per vedere un film in 3D o giocare a un videogame spaccatutto, terminare in maniere del tutto inaspettate e tremendamente originali. Uno schema narrativo che ricorda un po’ quegli horroracci televisivi anni 70/80 che duravano 1 oretta e venivano mandati in onda nelle sere estive. Qui, però, gli effetti speciali sono all’avanguardia e la regia da videoclip.

Un esperimento decisamente arduo e complicato ma, a mio parere, vinto al 100%. E non sono il solo a pensarla così, dal momento che viene schierato il meglio degli attori televisivi su piazza! Oltre alla già citata Michele, troviamo Robert Buckley (One Tree Hill, iZombie), Sara Hyland (Modern Family), Megan Mullally (Will & Grace) e persino una vecchia volpe di Hollywood come Tom Noonan (Heat – La Sifda, Damages)

Dimension 404 vince il titolo di serie tv più particolare del 2018, una piacevole scarica di risate e brividi perfetta per questa calda estate!

Ecco il trailer

Sciaouz!

Tracio