rainbow365 rugbisti contro l'omofobia

Rugbisti contro l’omofobia con Rainbow365: il regalo perfetto per questo Natale

Amiche e amichi, manca pochissimo a questo Natale 2018, e siccome lo so che non sono l’unico sprovveduto ad avere ancora qualche regalino da fare, ho pensato che questo sarebbe stato il consiglio più utilissimo/bellissimo/da sbavo che possiate regalare alle vostre amiche, mamme, zie, nonne e amichi diversamente etero.

rainbow365 rugbisti contro l'omofobia

 

A un passo dal 2019, i regolamenti delle Federazioni sportive italiane ancora non includono il divieto di discriminazione sessuale. Si tratta dell’unico tipo di divieto intorno alle discriminazioni non contemplato, un grave problema per chi è costretto, in particolare nello sport, a nascondere la propria identità sessuale.

Da qui nasce, Rainbow365 – Colori vs omofobia, il calendario che raccoglie scatti delle Zebre Rugby (che fornisce il 50% dei giocatori della nazionale) in campo con Libera – di cui vi abbiamo parlato più volte qui, qui e qui – la prima squadra di rugby inclusiva d’Italia, già sulla copertina di Sportweek tre anni fa con la foto del bacio che ha fatto il giro del mondo. Anche queste immagini sono molto impattanti e piene di colore.

Rainbow 365Colori vs Omofobia, sarà in vendita online da lunedì 17 dicembre sull’e-shop di Rugby Meet https://shop.rugbymeet.com/e sul sito di Libera http://liberarugby.it/al prezzo di € 9,99 ed allo Stadio Lanfranchi durante le gare interne delle Zebre del 23 Dicembre 2018, 6 e 19 Gennaio 2019. Il ricavato andrà a Magicaburla Onlus, associazione di Roma che si occupa di clownterapia per i bambini in ospedale.

Parallelamente al lancio del calendario partirà una campagna di sensibilizzazione on-linecondivisa dalle Zebre, la Federazione Italiana Rugby, Libera e dal suo sponsor di maglia, Althea-amore e sughi, tra i pochi brand italiani da sempre impegnati nelle campagne Lgbt.

Il recente attacco omofobo a Gareth Thomas –nazionale con oltre 100 partite col Galles che nel 2009 ha dichiarato la sua omosessualità- dice che c’è ancora tanto da fare nonostante l’apertura, soprattutto a livello internazionale, agli atleti che hanno avuto il coraggio di dichiarare apertamente il loro orientamento sessuale. Ed è solo dell’anno scorso la campagna Smile&Fight di Libera e del suo sponsor di maglia, Althea, per chiedere alle Federazioni sportive italiane di inserire nei loro regolamenti il divieto di discriminazione secondo l’orientamento sessuale, l’unico ancora non citato.

Una bellissima iniziativa! Non trovate anche voi?
Buone Feste cocche!!
halfblood

Figlio di Madreh e di Padreh nonché fratello di Sisteronzola (tralascio gli avi altrimenti facciamo notte!) nacqui dopo 22 ore di travaglio sulla bella costiera Sorrentina in una sera di TOT anni fa. Eterno giovane, sognatore e passionale vorrebbe citare in giudizio Marcello Cesena perché per il suo personaggio di Jean Claude si è ispirato a lui e al rapporto di Madreh Halfblood, ma perché immensamente buono d’animo non lo fa.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *