/Recensioni2.H: The Big Gay Musical

Recensioni2.H: The Big Gay Musical

Il sessantottesimo (68 – “‘A zuppa cotta” come i nostri cosiddetti…) Festival di Sanremo ormai sta per concludersi, stasera verrà proclamata la canzone italiana che farà da bandiera alla nazione all’Eurovision Song Contest che verrà disputato in Portogallo e che qualcuno ce la mandi buona!

In onor di questo spirito canoro oggi vi proponiamo anche qui, alle Recensioni2.H, un po’ di musica, ma niente Baglioni state tranquilli, noi vi portiamo un musical, anzi un BIG MUSICAL!

Tirate fuori i pop corn Dolcezze!tumblr_ownl291WX71vtnv5po1_500


THE BIG GAY MUSICAL

big-gay-musical-theCommedia-Musical a tematica gay del 2008 segue le vicende di due giovani attori che riescono ad arrivare ad esibirsi a Off-Broadway (piccoli teatri della periferia di New York,quindi fuori da Broadway) con il loro spettacolo “Adam & Steve; Just the Way God Made ‘Em” una riscrittura della Genesi dove a fianco di Adamo ed Eva troviamo anche Adam e Steve, interpretati da Paul ed Eddie.

Paul è apertamente gay e vive la propria situazione senza ombre assieme a Sebastian mentre Eddie, cresciuto in una famiglia particolarmente religiosa, non è dichiarato e, remore della dottrina (leggete bene) inculcata è anche vergine; la situazione esplode quando i genitori di Eddie decidono di presentarsi alla prima teatrale del figlio trovandosi davanti uno spettacolo ben sopra le righe, tra angeli troppo sexy e denunce agli insegnamenti cristiani.


BGM_7La pellicola si divide seguendo tre storie separate: il musical che viene proposto man mano durante la narrazione e tiene la parte più critica, dove vediamo gli omosessuali dal punto di vista degli etero, dalla Bibbia che dice che Dio odia i gay alle terapie riparative per diventare eterosessuale, tutto sempre trattato come un grande cabaret;

La storia di Paul, l’innamorato dell’amore, che dopo esser stato ingiuriosamente etichettato come sieropositivo e lasciato da Sebastian si ritrova ad affrontare la vita da slutty cercando appuntamenti online che si concludono uno peggio dell’altro;

La storia di Eddie, il timorato del Signore, che grazie alla compagnia teatrale inizia a vivere più apertamente la sua natura e preparandosi al coming out con i suoi genitori.

the-big-gay-musicalInsomma una commedia che, seppur cantereccia, ci da dentro con gli argomenti più delicati della comunità LGBT, in primis la prevenzione che viene seguita dall’inizio del film fino alla fine, anche nelle scene di sesso vediamo l’uso del preservativo e tante parole buone sul sesso sicuro; l’omofobia, trattata tra una canzone e l’altra è il secondo argomento che tiene a galla la storia, mettendo in chiaro come la gente abbiamo paura dell’amore stesso solo perché di un colore diverso.

SeanRNota a margine, nel film troviamo un piccolo cameo di Brent Corrigan, pornoattore classe 1986,  divenuto famose sotto la casa Cobra Video dove ha girato la prima scena in assoluto di doppia penetrazione prodotto da questa casa, e successivamente divenuto egli stesso produttore di film pornografici rigorosamente con l’uso del preservativo.

Ma ricordate

God loves gays!