Recensioni2.H: Who the F**k Is That Guy?

Cosa hanno in comune i Metallica e l’heavy metal con il mondo LGBT degli anni ’80? apparentemente nulla se non le giacche in pelle che si portavano con grande sfarzo, ma dietro ad una delle band più rock di sempre c’è uno dei più grandi A&R (in inglese Artists and Repertoire, “artisti e repertorio” indica il responsabile della scoperta di nuovi artisti) in circolazione che nonostante il suo essere un ragazzo portoricano a New York, gay e anche un po’ effemminato è riuscito a farsi strada fino il paradiso del rock!

Tirate fuori i pop corn Dolcezze!

popcorn


“Who The Fuck Is That Guy?”

The Fabulous Journey di Michael Alago

p14237437_v_v8_aa

Pellicola del 2017, ma girata tra il 2013 e il 2016, scritta e diretta da Drew Stone, regista, produttore, montatore e musicista americano, le sue opere comprendono video musicali, spot pubblicitari, film documentari e televisione, insomma un curriculum di tutto rispetto.

Documentario che racconta la vita di Michael Alago, giovane ragazzo gay portoricano cresciuto a Brooklyn nei primi anni ’70 con una forte passione per la musica.

Dalle prime uscite nei club leggendari, tra cui il CBGB o il Max’s Kansas City come fan sfegatato al primo lavoro al Ritz che ha lanciato poi la sua carriera come A&R Micheal è riuscito, grazie alla sua esuberanza e prospettiva a farsi strada in un mondo non solo rude musicalmente parlando, ma anche sconfiggendo i canoni e gli stereotipi verso la comunità LGBT.

Nel documentario vediamo la rapida ascesa da Cindy Lauper a Nina Simone, passando per i Metallica e i White Zombie, ma anche i demoni di quel decennio come l’abuso di droghe e l’AIDS al quale il produttore è sopravvissuto.


boy-in-the-crowd-750xDocumentario estremamente autocelabrativo essendo in parte raccontato dallo stesso Michael Alago, ma anche grazie alle voci di numeri interpreti dell’epoca, tra cui Cindy Lauper, i Metallica, i Sex Pistols e altri nomi altisonanti che raccontano i ruggenti e crudi anni ’80 tutto sesso, droga e rock ‘n roll.

 

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *