S.A.M – un cortometraggio che parla di amore LGBT+ e persone diversamente abili

S.A.M - cortometraggio

Un nuovo cortometraggio sulle persone LGBT diversamente abili o con disabilità cognitive che spera di dare voce a quelli “spesso visti come asessuati”.

S.A.M.(il titolo del cortometraggio) vede protagonisti Sam Retford di Ackley Bridge e l’ambasciatore di Mencap (charity inglese che lavora a sostegno delle persone con disabilità cognitive) George Webster nei panni di due ragazzi adolescenti – entrambi di nome Sam – che si incontrano alle altalene ogni settimana per sfuggire alle loro case disfunzionali, e lentamente iniziano a innamorarsi.

Il cortometraggio ambiendato a Manchester è stato sviluppato dal team di sceneggiatori e registi Eyre e Ely, che sperano che il loro film rappresenti tutte quelle persone della comunità LGBT+ che hanno disabilità cognitive.

Sam Retford

In una dichiarazione, hanno detto: 

“Volevamo sviluppare una storia che esprimesse quante persone vivono con difficoltà di apprendimento tutto quello che riguarda l’amore e a sessualità. Abbiamo scoperto che molte persone sentivano di non avere voce quando si trattava di esprimere la propria sessualità e spesso venivano considerate asessuate. Speriamo che questo film possa cambiare la percezione delle persone e offra una base di discussione per un problema che viene raramente preso in considerazione”.

George – che lo scorso anno è anche diventato ambasciatore per la beneficenza nel Regno Unito – ha affermato che il film è importante in quanto si tratta di “accettare te stessi e accettare gli altri“.

Ha poi detto: 

“Il film è importante per me perché riguarda l’essere te stesso, accettare te stesso e accettare gli altri per quello che sono. Il film mostra anche che le persone con disabilità hanno la capacità di essere attori forti. Un’altra cosa importante per la visibilità è che possiamo avere pari opportunità e uguali diritti”.

Sam – che è meglio conosciuto per aver interpretato Cory Wilson in Ackley Bridge una serie tv su Channel 4 in UK- ha aggiunto: 

“Essere coinvolti in S.A.M. è stato un onore così incredibile per me;  sento che devo aiutare a raccontare la storia sempre più importante dell’essere chi sei. Sono così incredibilmente orgoglioso di questo progetto, che mostra cosa significa trovare qualcuno che ti renda capace di essere te stesso, indipendentemente dal loro passato e dalle disabilità.”

Sam Retford, David Tag and George Webster

Il film, che vede come protagonista anche la star di Hollyoak, David Tag, entrerà nei festival cinematografici di tutto il mondo e affronterà anche temi come gli stereotipi sulla sessualità e sulla disabilità. Il team dietro il cortometraggio punta a trasformarlo in una versione lunga con la stessa storia e personaggi.

In bocca al lupo allora, perché credo che sia un progetto bellissimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *