Sanmanzi Ep.1 – Il meglio alla fine

Come abbiamo già ampiamente detto nel post precedente, Sanremo non ha dato tantissime soddisfazioni manze nelle scorse edizioni, ma quest’anno potremmo dire “Eppur si muove”. Sì, l’ormone si muove, diamo un attimo uno sguardo ai protagonisti più o meno manzi della prima serata e vediamo come siamo messi quest’anno.

Cominciamo col dire che gli ospiti erano maledettamente più gnocchi dei cantanti in gara e anche di tutto il resto. Primo fra tutti, Marco Bocci, quel figone pazzesco che quei maledetti si son tenuti alla fine. Ha cominciato col teatro e dato come ha continuato sarebbe stato meglio si fosse fermato lì, visto che è passato dai film del grande schermo a miniserie di quart’ordine come “Caterina e le sue figlie” e “Ho sposato uno sbirro”. AH!!!Che si deve fare per mangiare…

Proseguiamo con le due voci dei “Perturbazione” che nonostante l’età sembrano davvero mantenersi bene, specie quello coi capelli alla Chad Kroeger che ha finito l’acqua ossigenata in casa; mentre per la voce principale, due pollici bene bene in alto per gli occhioni blu (O verdi, scusate non ho la tv HD e quindi non riuscivo a vedere bene). Certo, sono entrambi nella categoria Daddy, però bisogna dire che si mantengono davvero davvero bene per la loro età.

Vogliamo parlare di De Andrè?! Vogliamo dirla tutta?! Ha dichiarato che è ingrassato perché ha smesso di fumare. Ma una sigaretta elettronica no?! E’ tragicamente inguardabile, non solo per la ciccia, ma anche per tutto il resto. Sembra essersi fermato a venti anni fa, sia come stile che come vestiario. Le valutazioni tendono a risalire parlando di Gualazzi, che a quanto ho sentito, tende a far sesso a molti per la sua aria da bambino smarrito, anche se personalmente a me sembra solo un po’ rinco, ma son gusti. Allegria non pervenuta, un po’ come Adele.

The bloody Beetroots, nonostante non ci sia dato conoscerne l’identità, sembra promettere davvero bene con quella barba castano rossiccia e il fisico ben asciutto sotto i vestiti aderenti, dico così perché nonostante diverse ricerche in internet non sono riuscito a capire bene se esista una sua foto senza maschera ufficiale o meno, peccato solo sia alto un metro e un chewing gum senza zucchero.

Poi c’è stato lui, lo confesso, è stato il mio preferito durante la serata. Un po’ perché è gnocco di suo, un po’ perché mi ricorda uno dei miei attori porno preferiti. Amaurys Perez, pallanuotista cubano (col sigaro in mezzo alle gambe) che ora gioca nella squadra Acquachiara di Napoli (Da oggi infatti andrò a vedermi tutti gli allenamenti).

Frankie hi nrg, non pervenuto. No davvero, non esiste nulla di quell’uomo che possa smuovere mezzo ormone, non me ne volere Frankie, sei tanto bravo, simpatico, hai pure cantato con la Cortellesi, però non mi fai sangue manco pe gnente!

Ligabue, nonostante l’età e l’abbigliamento molto sobrio di ieri sera bisogna dire che si mantiene ancora bene, non so se infili la testa nel freezer la sera prima di andare a letto, ma mi ha stupito davvero.

A proposito di gente che si infila nel freezer, volevo dire una cosa: Raffa, sei un’istituzione nazionale. La tua performance è stata l’unica in cui abbiamo visto i ballerini del corpo di ballo sorridere. Se c’era la Celentano li avrebbe presi a calci, sicuro e poi li avrebbe messi in Jockstrap, tanto per gradire. Per oggi termino qui, e vi do appuntamento a domani con un caloroso “Ciao ciao ciao, muchacho ciao!!!”

P.s. Se avete notato altri manzi che mi sono sfuggiti, fatecelo sapere nei commenti. #PeopleFromTitina insieme a #Sanremo2014

0 thoughts on “Sanmanzi Ep.1 – Il meglio alla fine

  1. Anche se il caro Amaury aveva un sorriso ed una risata ebeti…faceva sesssoh anche solo da fermo! Quindi solo lui ha risollevato tutto l’ormone affossato dall’omosessualità sfrantah portata sul palco dalla Carrà e dalla Castà! <3<3<3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *