/Sanremo 2018 – la seconda serata con #Titina18
Sanremo2018ConTitina18

Sanremo 2018 – la seconda serata con #Titina18

Titiners, anche questa sera, dobbiamo davvero ringraziarvi per aver twittato in tantissimi con #Titina18 e #Sanremo2018, ci avete tirato su la serata che ha sfiorato collassi per la stanchezza: anche il twitting è stato difficile… ma siete stati tutti M E R A V I G L I O S I!

Una seconda serata che per arrivarci fino alla fine abbiamo dovuto prendere vitamine, flebo di ricostituenti e caffè a go go, ma ehi, siamo sopravvissute!

La domanda che ci siamo posti quasi tutti durante tutta la diretta della seconda serata di Sanremo 2018 è stata: Ma se Baglioni voleva tanto cantare (e lo ha fatto ad intervalli quasi regolari) perché caspiterina ha accettato di fare il presentatore e non ha partecipato come concorrente o come ospite fisso?!

Un secondo appuntamento col Festival di Sanremo che manco il ritorno de Il Volo (di cui le folle sono pazze, ma perché!?) è riuscito a far decollare.

 

Una serata davvero fiacca, e seconde versioni dei pezzi dei big che non sono state migliori di quelle di ieri sera, ad esclusione di Annalisa

e Red Canzian che sono riusciti a regalarci forti emozioni e a farci cantare con loro, ma almeno i 4 giovani artisti che si sono esibiti sono stati davvero validissimi, e no, non siamo per nulla d’accordo con la classifica della giuria demoscopica! Ma come si può far arrivare ultimo Mirkoeilcane che ha portato un testo davvero toccante e surreale? Capiamo che non ha realmente cantato ma ha portato un gran bel pezzo!


Grande (ri)scoperta è stata quella di Lorenzo Baglioni, con una canzone divertentissima e una gran bella esibizione. Ma ci sono altri motivi per cui lo amiamo:


 

Però due grandi della televisione italiana hanno fatto vivere un momento amarcord e un momento “siparietto simpatico” da grande, grande televisione! Pippo nazionale che a braccio ha ricordato la sua carriera (un discorso di commiato!?) e la storia della musica italiana, ricordandoci che un Dio esiste e che quel Dio sceso in terra per creare solo il bene, è LUI!


 

Ma la grande donna dei misteri italiani e dei casi irrisolti ha saputo vestire i suoi panni in chiave comica e forse solo in quel momento ci siamo ridestati un pò e abbiamo ripreso un normale battito cardiaco.


 


 


 

Questa edizione di Sanremo si sta caratterizzando per la capacità di disseppellire artisti che pensavamo andati in pensione, certo non con STING, ma con Mr Lova Love… Shaggy! Momento di spettacolo e musica bellissimo, quello regalataci da Sting con “Muoio per te”, ma non potevamo fermarci qui o chiedergli di cantare “English Man in New York”? NO! Abbiamo voluto farlo esibire con la copia, vistosamente in sovrappeso, di Shaggy.


 


 

I Siparietti

No amici, sti siparietti finto-comici non si sopportano più. Davvero! Ma è possibile che questi autori non siano ancora stati licenziati o siano stati rimessi in carreggiata per aggiustare il tiro? Non sono divertenti, no! Possono esserlo, ma leggermente, solo quando i tre presentatori si lasciano andare a qualche batuttina più spontanea e personale, ma poi ci fan venire il latte alle ginocchia.


 

E prima di lasciarvi ai tweet più belli della serata con #Titina18, ci chiediamo: ma voi cantanti che decidete di portare un pezzo a Sanremo, sceglierlo con note che riuscite a prendere, no vero!?


 

I #Titiners si sono espressi così:


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 

 


 


 


 

E prima di salutarci e rivederci stasera alla terza serata di Sanremo 2018, ricordate che potete votare per tutti i cantanti in gara (vedremo she riammetteranno Meta e Moro) con le schede di #Titina18 da qui

Figlio di Madreh e di Padreh nonché fratello di Sisteronzola (tralascio gli avi altrimenti facciamo notte!) nacqui dopo 22 ore di travaglio sulla bella costiera Sorrentina in una sera di TOT anni fa. Eterno giovane, sognatore e passionale vorrebbe citare in giudizio Marcello Cesena perché per il suo personaggio di Jean Claude si è ispirato a lui e al rapporto di Madreh Halfblood, ma perché immensamente buono d’animo non lo fa.