Sanremo 2018 serata duetti con #Titina18

Sanremo 2018 – serata duetti con #Titina18

Serata duetti e proclamazione del vincitore delle giovani proposte: poteva essere una serata fantastica e veloce, ma no… il business delle pubblicità, degli sponsor, del spettacolo a tutti i costi lo ha fatto durare fino alle 1.45, oh yeah. Ma con voi Titiner di #Titina18 è stato un piacere e un gran divertimento commentare #Sanremo2018.

Sarà pure vero che la serata è stata lunga e come per le altre 3 precedenti è stato difficile arrivare alla fine, ma ehi, il popolo dei #Titiner ha eletto i suoi preferiti e Pierfranci Favino ci ha fatto davvero perdere la testa per lui (nel caso in cui prima non l’aveste già persa come il nostro Raffa).

Nuove Proposte Quasi tutto il twitter si è espresso all’unisono decretando Ultimo come vincitore assoluto della categoria nuove proposte, anche se a tratti ci sono stati un po’ di mal contenti per l’esclusione totale di Lorenzo Baglioni dal podio finale. In effetti la canzone di Lorenzo era tra tutte l’unica che metteva buon umore e si spostava dalla miriade di messaggi pro-sociale che gli altri testi hanno portato in gara, e forse questo l’ha penalizzata un pò, ma sui social il suo video e la sua canzone stanno raggiungendo grossi numeri di visualizzazioni e di ascolti. Certo i giovani che hanno vinto il podio, lo hanno realmente meritato senza dubbio alcuno, ma il twitter avrebbe visto un podio fatto solo da Mirkoeilcane (in lotta con Ultimo per il primo posto), Ultimo e ovviamente Lorenzo Baglioni per la sua carica di simpatia e testosterone sul palco, ma alla fine non possiamo lamentarci del podio che ha visto Mudimbi al terzo posto, Mirkoeilcane (con il suo nasone a patatone e occhioni profondi) al secondo posto e Ultimo al primo posto come a dire: gli Ultimi saranno i primi!

I Duetti Ragazzi, parliamoci chiaro, la cosa che sia sulle nostre schede di votazione che sui social l’apprezzamento per i duetti sia stata molto più alta di quella per le canzoni in versione originale, deve farci pensare molto alla qualità delle canzoni che sono state portate in gara, o se non si tratta di qualità, possiamo tranquillamente dire, che le performance fatte con i duetti hanno superato di gran lunga la qualità delle performance fatte da soli. Certo non è stato così per tutte le esibizioni, alcuni duetti non sono esistiti, tipo Stash che ha duettato con se stesso ma almeno ha lasciato suonare un assolo al maestro Tullio De Piscopo con la sua magica batteria.

Quasi sono stati i duetti che hanno premiato i Titiners con i loro voti?

1° Posto – Arisa e Giovanni Caccamo. Niente da fare, ci hanno stregato, ci hanno regalato una versione del brano di Caccamo davvero unica, profonda, romantica e potente e solo durante la presenza di Arisa sul palco dell’Ariston, twitter ha contato 15.200 tweet che ne osannavano la bravura. Siamo sempre più convinti che ad Arisa possiamo farle cantare anche “ci son due coccodrilli ed un orangotango” che la trasforma in una hit da ascoltare e riascoltare senza sosta.

2° Posto – Annalisa e Michele Bravi. E anche qui, chapeau: ottima sintonia, voci forti, pulite, amalgamate tra di loro eppure così diverse. Michele (un tantinello ingressato, ma sempre bello) si è prestato ad un gioco di voci e sinfonie con un Annalisa complice; un’esibizione che tutto il twitter di #Titina18 ha amato.

3° Posto – Ermal Meta e Fabrizio Moro con Simone Cristicchi. Diciamo che al duo più chiacchierato e criticato di questa edizione di Sanremo piace vincere facile. Un testo davvero forte, vero, coraggioso e toccante (molto pro-sociale che tocca le delicate e tesissime corde delle paure con cui conviviamo oggi) misti ad un arrangiamento che con l’aggiunta della lettera di uno dei sopravvissuti alla strage del Bataclàn, ci hanno mosso dentro, commosso e regalato forti emozioni.

#Titina18 ha eletto in anticipo i suoi vincitori, ecco come si sono espressi i #Titiners.

Abbiamo scaricato i voti, fatto i conteggi e possiamo dirvi che quelli che avete scelto di fare entrare nel podio ci sono arrivati davvero per pochi voti di scarto dagli altri, quindi facciamo che vi riveliamo i 5 artisti e i loro pezzi che avete preferito tra i 20 big in gara. I voti sotto sono il totale dei voti ricevuti per ogni voce a cui vi è stato chiesto di votare.

Con ben 265 preferenze avete eletto il duo Meta Moro come vostro preferito in assoluto, e qui sentiamo odore di vittoria mediatica, soprattutto dopo tutta la bufera che c’è stata sul presunto “plagio” della loro canzone.

Con 249 voti i #Titiners vogliono che “vinche” Annalisa, e quello che ci piace vedere dalle schede di #Titina18 è che tutti quelli che hanno votato (ad esclusione di 2) hanno detto che la canzone di “il mondo prima di te” è già nelle loro playlist.

Con 247 voti, davvero pochissimi di scarto dalla seconda, avete eletto Noemi come papabile al podio con il suo “Non smettere mai di cercarmi”. Cosa ha penalizzato il voto finale che le avete dato? Il suo trucco e parrucco mai azzeccato e sempre un po’ esagerato; ma infondo a noi la leonessa piace così.

Con 238 voti avete scelto la sempre “arrapata” Ornella Vanoni con Pacifico e Bungaro. La conzone è bella, il testo arriva forte al cuore, e ieri sera poi, Ornella ci ha regalato un’esibizione pulita con una voce chiara e profonda. Ci piace davvero tanto!

Con 217 voti e quasi quasi non ci credo, avete scelto Ron con la sua romanticissima lettera d’amore, scritta per lui molti anni fa dal suo amico di una vita Lucio Dalla. Un’amicia, la loro, forte e sincera, un affetto reale che li ha legati per anni e anni e questo sodalizio affettivo riesce a dare i suoi risultati ancora oggi, a più di 6 anni dalla morte di Lucio.

Bene, quindi i #Titiners di #Titina18 hanno eletto i loro vincitori, ma sarà così stasera? E chi lo sa? Lo sapremo solo seguendo insieme la finalona di Sanremo 2018 e twittando insieme con gli ht #Titina18 #Sanremo2018. E mentre noi vi diamo appuntamento alle 20.30 stasera  sul twitter per scatenarci come ogni sera, vi lasciamo ad alcuni dei tweet più divertenti della serata di ieri.

halfblood

Figlio di Madreh e di Padreh nonché fratello di Sisteronzola (tralascio gli avi altrimenti facciamo notte!) nacqui dopo 22 ore di travaglio sulla bella costiera Sorrentina in una sera di TOT anni fa. Eterno giovane, sognatore e passionale vorrebbe citare in giudizio Marcello Cesena perché per il suo personaggio di Jean Claude si è ispirato a lui e al rapporto di Madreh Halfblood, ma perché immensamente buono d’animo non lo fa.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *