/Sydney: si riaprono 88 casi di Omofobia accaduti tra gli anni 80 e il 2000 per fare giustizia e combattere la piaga della violenza omofoba
sydeny-omofobia-ilpuntoH

Sydney: si riaprono 88 casi di Omofobia accaduti tra gli anni 80 e il 2000 per fare giustizia e combattere la piaga della violenza omofoba

È tempo di svelare la storia della violenza anti-gay di Sydney

Penny Sharpe - Sydeny Omofobia
Penny Sharpe

Penny Sharpe, figura di spicco della politica australiana, si è trasferita a Sydney alla fine degli anni ’80, al culmine della violenza contro le persone LGBTI.

La politica australiana ha descritto quanto si sentisse spaventata la comunità LGBTI in quel periodo.

“Non era raro che le persone fossero minacciate. È stato un momento spaventoso “, ha detto Sharpe a Gay Star News.

“Quando mi sono trasferita a Sydney, siamo andati a lezione di autodifesa e per attirare l’attenzione in caso di aggressione indossavamo un fischietto al collo. Era l’apice del sentimento anti-gay. “

Ora che Sharpe è in una posizione di potere, la sta usando per richiedere un’inchiesta parlamentare sulla violenza anti-LGBTI di Sydney.

Le sue telefonate arrivano il giorno in cui la polizia di stato nel New South Wales (NSW) rivela i risultati di un’inchiesta di tre anni sulle morti sospette di 87 uomini gay e una donna trans. Le morti sono avvenute tra il 1976 e il 2000.

La polizia del NSW vuole a tutti i costi verificare se una di queste morti sia avvenuta a causa di pregiudizi anti-gay.

Strike Force Parabell (questo il nome dell’inchiesta in questione) ha rilevato che dei casi esaminati 27 sono stati determinati ad avere prove o sospetti di un reato di parzialità. Cinque di questi rimangono irrisolti.

Degli 88 casi in totale presi in considerazione, un totale di 23 rimane irrisolto.

Sharpe e importanti organizzazioni LGBTI vogliono un’ulteriore inchiesta parlamentare per una serie di motivi.

“Ciò che un’inchiesta parlamentare può fare va oltre la polizia, voglio scoprire come possiamo creare una società in cui non è corretto additare e aggredire le persone a causa del loro genere o della loro sessualità”

Un’indagine aiuterà anche le famiglie delle vittime. Molte famiglie si sono ritrovate inascoltate dalla polizia al momento della morte dei loro cari.

“Pensiamo che ci sia un importante bisogno di guardare alle questioni di odio verso i gay negli ultimi decenni, di imparare una lezione e di esaminare le questioni ancora in sospeso per le famiglie.”

Le famiglie delle vittime riportano che all’epoca dei fatti la polizia non interrogasse l’intera gamma di testimoni. Anche le famiglie sono “ansiose di raccontare la loro storia in relazione alla polizia”.

“Sono ansiosa affinchè il Parlamento ascolti e si impegni a fare raccomandazioni per assicurarsi che quelle cose non succedano più”, ha detto Sharpe.

Sharpe lavorerà sui termini di riferimento per l’inchiesta durante pausa invernale del Parlamento. Spera che l’inchiesta inizi presto dopo nella seconda metà del 2018.

La Polizia indaga sulla Polizia

Un’altra ragione per chiedere un’inchiesta indipendente su 88 morti è quella di garantire l’obiettività nella revisione.

L’organizzazione sanitaria LGBTI, ACON, chiede anche una revisione indipendente. Durante l’apogeo della violenza, ACON (ex AIDS Council of NSW) ha avviato il progetto Anti-Violence. Ha contribuito a sensibilizzare l’opinione pubblica sull’epidemia di violenza, ma ha anche iniziato a registrare episodi di violenza anti-LGBTI. Ad un certo punto si è ritrovata a ricevere circa 20 segnalazioni al giorno di attacchi omofobi.

ACON ha anche pubblicato la propria recensione sugli 88 morti intitolata “In Search of Truth and Justice: Documenting Gay e Transgender Prejudice Killings in NSW in the late XX century”. Il rapporto include un elenco più lungo di raccomandazioni per porre fine alla violenza rispetto a quello descritto nella recensione di Parabell.

“In passato sono state sollevate preoccupazioni in merito al fatto che la polizia potesse rivedere in maniera obiettiva il proprio dipartimento e le pratiche da loro osservate in merito a questi 88 omicidi irrisolti, e un processo indipendente darebbe fiducia nel fatto che le questioni legate a questi omicidi siano state analizzate a fondo e per bene e che qualsiasi raccomandazione per garantire che ciò non possa ripetersi venga subito messa in atto”, ha affermato il CEO di ACON Nic Parkhill.

“Inoltre, per rispetto delle molte vittime e delle loro famiglie – per non parlare della più ampia comunità LGBTI – un processo indipendente dimostrerebbe che si tratta di questioni che i nostri governi e istituzioni prendono sul serio, da cui si apprenda e si faccia in modo che non si ripetano più”

Scuse della polizia del NSW

ACON fa anche parte del coro di persone che chiedono scuse formali dalle forze di polizia del NSW alla comunità LGBTI per le risposte inadeguate o lente alla violenza durante questo periodo buio della storia sociale Australiana.

“Accoglieremmo le scuse dalle forze di polizia del NSW alla comunità LGBTI”, ha affermato Parkhill.

“Questo manderebbe un segnale positivo a qualsiasi coppia LGBTIQ che è ancora troppo spaventata per tenersi per mano in molti luoghi dello stato per paura della violenza. […] È importante e sarà molto utile per guarire il dolore e i traumi vissuti dalle vittime, dalle famiglie e da altri membri delle nostre comunità”.

Figlio di Madreh e di Padreh nonché fratello di Sisteronzola (tralascio gli avi altrimenti facciamo notte!) nacqui dopo 22 ore di travaglio sulla bella costiera Sorrentina in una sera di TOT anni fa. Eterno giovane, sognatore e passionale vorrebbe citare in giudizio Marcello Cesena perché per il suo personaggio di Jean Claude si è ispirato a lui e al rapporto di Madreh Halfblood, ma perché immensamente buono d’animo non lo fa.