Tag: sparatoria

49Pulse-OrlandoPulse-IlpuntoH

’49 Pulses’ – il film documentario sul massacro del Pulse di Orlando.

49 Pulses è il docufilm di Charlie MInn che vi mostrerà la realtà dell’orrore del massacro del famoso club Pulse di Orlando. Il film si concentrerà sulle testimonianze dei sopravvissuti, familiari delle vittime e registrazioni della polizia.

Pulse - 49 Pulses
Propio oggi è stato pubblicato il primo trailer di un nuovo documentario, fuori dalle righe (se mi permettete questa definizione) sul massacro del Pulse di Orlando che tutti sono sicuro ricorderete.

Il ‘49 Pulses‘ di Charlie Minn ripercorre le famigerate riprese al nightclub LGBT nel giugno 2016, in cui l’attentatore Omar Mateen uccise 49 persone e ne ferì 68. Il documentario si concentrerà sulle testimonianze dei sopravvissuti, dei familiari delle vittime e sulle registrazioni della polizia, stando a quanto pubblicato dall’Orlando Weekly

“La mia missione è quella di realizzare un documentario sulle riprese del night club Pulse di Orlando per onorare le vittime”, ha detto Minn quando durante l’intervista gli sono state le motivazioni che lo hanno spinto a realizzare questo film.

Charlie Minn“Sono pienamente consapevole della sensibilità che circonda la tragedia e non farei mai un film del genere a meno che non fosse per rendere omaggio alle vittime raccontando le loro storie di umanità ed eroismo. […] I miei obiettivi sono informare, educare e sensibilizzare l’opinione pubblica sulla vita delle vittime innocenti e sulle loro storie che spesso vengono orribilmente trascurate a causa dell’attenzione prestata all’assassino.”

49 Pulses sarà presentato in anteprima all’ Orlando Fashion Square Mall Theatre venerdì (26 gennaio).

Il regista ha già iniziato il suo prossimo film per documentare l’attacco dell’anno scorso a un festival di musica di Las Vegas, che ha visto la morte di ben 59 vittime innocenti e che tragicamente ha superato gli avvenimenti del Pulse divenendo la sparatoria con più vittime nella storia moderna degli Stati Uniti.

Di seguito ecco il trailer del docufilm di Minn, ma attenzione: contiene scene molto forti.

Habemus Governo

Uno qui non può distrarsi un momentino e subito ti spiazzano con la notizia della formazione di un Governo dopo le elezioni di quest’anno che non promettevano niente di buono.

Ma se con attenzione esamino tutti i ministri, uno ad uno, – analisi che però vi risparmio per non martellarvi gli zebedei – mi rendo sempre più conto che anche questa nuova cricca di ministri, ho seri dubbi che andremo da qualche parte di buono. Però, come si dice? “Tentar non nuoce!” (?) , ma con i dovuti dubbi, mi convinco che dobbiamo pur dar loro una possibilità.

La nostra classe politica è tra la più decise in assoluto: no a larghe intese, no a sottostare a Berlusconi, sì all’impegno per la pover e ferita Italia, e no al colesterolo. #EINVECE … rieccoci a finire nelle infinite connessioni politiche, nei piaceri di partito, nelle collaborazioni di piacere, insomma, rieccoci a vedere un pannello dei ministri che vuoi o non vuoi verranno guidati (forse non tutti [e lo spero]) dal nostro più bravo burattinaio e comunicatore italiano: Silvio nazionale.

Non ce lo saremmo mai aspettati! Proprio mai, mai, mai. [anche qui #einvece ]

Per farci stare zitti ci danno il contentino: ministri abbastanza giovani con un età media di 47 anni (che non è male), un buon numero di donne – 7 ministre – di cui una anche di colore [che da oggi sarà la mia Ghetto Queen], una poliglotta che di politica ne capisce bene di politica, una campionessa olimpica che ti spacca le noci con le chiappe del culo, un mancino, e il resto della truppa che non si capisce bene cosa siano in grado di fare o che specializzazione abbiano. Non possiamo non dire che non ci sia cultura e arte tra di loro: prendi il ministro Bray che ti dirige la Trecani ed e presidente dell’associazione per la Taranta. Il prossimo CDM sarà una lezione privata di Taranta avanzata.

Hanno tutti finalmente giurato la loro fede e lealtà alla Repubblica Italiana e la maggior parte di loro ha sparato così tante cazzate in soli 10 secondi di giuramento di quante ne ha mai sparate in tutta la propria vita: mi giurano di prestare i loro servizi nell’ INTERESSE ESCLUSIVO DELLA NAZIONE. Che simpatici umoristi!

Poi segui il TG24 e mentre giurano, uno “squilibrato” ITALIANO (non mi frega che sia calabrese, per me poteva essere anche Torinese o Trentino…ha fatto un gesto scellerato non giustificabile) arriva tutto bello distinto fuori da Palazzo Chigi e spara alla pene di segugio ferendo quasi a morte 2 carabinieri che onestamente lavoravano: che immagine idilliaca e precisa di quanto stia marcendo la nostra amata Italia, senza contare poi che le notizie che si sono susseguite sono sempre state chiare e precise

Schermata 2013-04-28 alle 12.57.17

Poi sempre un giornalista del suddetto TG se ne viene fuori con un’esclamazione da schiaffi in faccia con tanto di guanti borchiati e non puoi che twittare questo:

Schermata 2013-04-28 alle 13.27.59

Uno spaccato della realtà e del presente!

Cominciamo benissimo: se credete in un qualunque Dio, pregate anche al mio posto, che qui c’è bisogno di una buona mano dal cielo.