Te lo dice Clemente

Che mondo sarebbe senza Clemente Russo?

Davvero: basta, basta, basta con questi finti buonismi da reality. Atteggiamenti da grandi compagnoni che nascondono pugnali volanti. Motivazioni da nomination tipo ‘è quello con cui parlo di meno’, ‘scelgo lui per esclusione’ e così via.

Meno cincischiamenti e più veleno! In fondo è questo che si chiede a un reality show, lo dice la parola stessa: realtà! E allora perché non abbiamo mai visto una vera e propria rissa da bar, ma solo insulse frecciatine letali come l’acqua di rose tiepida?

e7f15ea6877eb16777ed53ece4ccc601Perché abbiamo dovuto aspettare millemila edizioni in cui hanno sfilato perfetti sconosciuti utili alla vita come un terzo capezzolo, prima di assistere al più grande personaggio controcorrente che mente umana ricordi?

Clemente Russo: pugile partenopeo, campione ma non campionissimo, sportivo al suo secondo reality (curiosamente subito dopo un’olimpiade andata maluccio), guascone con le mèches passato alla storia per essersi sposato travestito da incrocio tra uno spacciatore di coca che vive a Narnia e il mago Galbusera. Annunciato vincitore delle Olimpiadi di Rio, ma preso a legnate nei quarti di finale dal russo Tishchenko. Clemente non ha peli sulla lingua e non ha problemi a esternare tutto quello che pensa. Ma proprio tutto! C’è una minoranza attaccabile? State pur sereni che il Gladiatore di Marcianise ci si avventa come una cocorita sul mangime: gay e donne sono solo la punta dell’iceberg!

Dopo le prese in giro al colirito coinquilino Bosco e aver chiarito la sua considerazione sulle donne, a quanto pare, fedifraghe (a questo proposito, la Ventura sta ammaestrando i suoi avvocati a cibarsi solo di esemplari di Bettarini e Russo), Clementone è stato buttato fuori a immagini-quotidiano-netcalci dal Grande Fratello Vip. A nulla sono servite le sue raffazzonate scuse in diretta (mentre Ilary Blasi e Alfonso Signorini gli giravano intorno come i velociraptor con una timida capretta) e nemmeno l’accorata lettera scritta proooprio di suo pugno. Talmente sentita che, dopo averla letta, se non lo conoscessi gli daresti il Premio Nobel per la Pace, il Telegatto e l’Orso d’oro di Berlino. Leggere QUI per credere.

Insomma tutti a dare contro al povero Clemente! Ma dico io, tanto ormai ce lo dobbiamo tenere: a questo punto utilizziamolo. Come? Mandandolo a dire in faccia alla gente ciò che pensiamo.

Gladiatore, aiutaci a risolvere le nostre noie quotidiane! Fregatene del politically correct e salvaci tu!

Pillole sincere! Con chi altri potrebbe prendersela il baldo pugile?

1 – La vicina di casa molla il sacchetto dell’umido puzzolente sul pianerottolo? Mandate Russo a citofonarle. E vedrete come la volta dopo non solo non lo lascerà più, ma farà persino la piega ai peli del vostro zerbino.

2 – Il collega vi frega sempre gli ultimi centesimi nella chiavetta comune per la macchinetta del caffè in ufficio? Ditelo a Clemente e la prossima volta vi farà portare il caffè direttamente da George Clooney in persona.

3 – La vostra squadra del cuore passa le domeniche a farsi bastonare anche dalle giovanili del Pinerolo? Un allenamento con Russo e non solo vinceranno il campionato, ma andranno a comandare pure al Super Bowl! Poco importa che non siano nemmeno iscritti…

4 – L’uomo dei vostri sogni si mette con un mezzo cesso? Due parole di Clemente e lo troverete sotto casa come Richard Gere in ‘Pretty Woman’.

5 – Il gatto passa il tempo a perdere peli sui vostri vestiti? Datelo a Russo e tornerà depilato e con i tacchi.

Gladiatore, fossi in te prenderei in considerazione questa nuova carriera. A meno che tu non abbia altri programmi per il tuo futuro…

clemente-russo

Sciaouz!

Tracio

Il contenuto del presente articolo riflette esclusivamente le opinioni personali dell’autore. Le affermazioni, descrizioni e conversazioni incluse nel presente sono frutto di pura immaginazione e della fertile fantasia dell’autore. In nessun caso si intende attribuire ai personaggi fittiziamente descritti alcuna opinione, idea e/o si intendono descrivere abitudini e/o consuetudini di personaggi celebri a fini dello sfruttamento della relativa immagine. Le immagini riportate sono di pubblico dominio e non sono coperte da diritti di proprietà intellettuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *