Allungare il pene: le pene che il pene è costretto a soffrire!

Dalla manipolazione alla chirurgia: metodi fallaci di allungamento del pene

Tra i sogni erotici ce ne è uno che occupa la posizione più alta sul podio. Okay, forse non è proprio erotico, ma sicuramente ha a che fare con l’eros. E sicuramente è un sogno.

Mi rivolgo al pubblico maschile, tutto il pubblico maschile, senza distinzione di gusti sessuali, età, costituzione fisica o provenienza geografica – anche se quest’ultima discriminante la prenderei con le pinze, considerato che la razza può essere fattore altamente significativo nella valutazione dell’oggetto in questione.

imagesDi cosa sto parlando? Bé, del sogno di avercelo più grosso.
Ammettiamolo, chi è davvero soddisfatto del proprio membro? Chi non vorrebbe qualche centimetro in più, una circonferenza più “a lattina di Coca-Cola” o un glande “ad amanita muscaria” (che altri non è che quello splendido fungo in cui si annidano i Puffi)?

La monografia pornografica offre un panorama di peni bellissimi. E’ un dato di fatto che gli attori del cinema hard vengano selezionati proprio sulla base delle caratteristiche estetiche del loro strumento di lavoro. Fateci caso, non tutti sono fotomodelli, ma tutti hanno una Torre Eiffel o un Big Ben in mezzo alle gambe. Già la Torre di Pisa, mmm… come direbbe l’Abruzzone.

Dritti, eretti, turgidi, impavidi e enormi. Questo influenza significativamente l’immaginario collettivo, scoraggiando noi maschietti, che sogniamo il pene di Brent Everett e invece dobbiamo accontentarci di ciò che natura ci ha dato. Che nella maggior parte dei casi andrebbe anche bene, se non fosse che non siamo proprio capaci di non fare il paragone.

dimensioni2E così ci proviamo. Lo guardiamo, lo coltiviamo, lo tiriamo, lo manipoliamo, nella speranza che un giorno, chissà come, possa quantomeno apparire più corposo.

Ecco dunque un elenco dei metodi più curiosi che noi uomini intentiamo per ottenere la realizzazione del più grande desiderio sessuale maschile: avere un pisello più grande.

  1. La palestra: c’è chi sperimenta veri e propri esercizi di stretching, come se il fallo altro non fosse che un elastico capace di allungarsi con un minimo di prestidigitazione. Sul web potete trovare una serie infinita di articoli rigorosissimi che vi aiuteranno a impostare un vero e proprio programma di allenamento giornaliero. Tra un tira di qua e un spingi di là, le testimonianze si sprecano. Ma alcuni studiosi affermano che gli effetti collaterali di certa manipolazione sono reali e pericolosi. E che no, il vostro uccello non è un jeans di Zara, che dopo due lavaggi è di due taglie più grandi. – Tra questi, segnalo gli esercizi di Kegel, che aiuterebbero a sviluppare la muscolatura pelvica, responsabile del corretto funzionamento del pipino.
  2. La scienza: c’è chi ricorre alla chirurgia, anche se ad oggi i metodi restano piuttosto sperimentali. Il consiglio è di non pensarci nemmeno per un nano secondo, a meno che non si soffra di micropenia, che è una patologia vera e propria. Per il resto, tenetevi buono il vostro nasone, che il rischio di finire come Carmen di Pietro o Francesca Cipriani è serio, con risultati anche più esilaranti. Che con uno pneumatico sgonfio a casa ci arrivi, ma senza leva del cambio…dimensioni-giuste1-744x445
  3. La medicina: a livello farmaceutico, invece, mi piacerebbe porre l’attenzione su alcune pillole che sono entrate da qualche anno in commercio e che promettono risultati più o meno immediati. Una manciata di gettoni, insomma, che, ma te lo giurano eh!, ti faranno sbancare alle slot machines. Rimedi poco efficaci, probabilmente anche dannosi, ma altamente diffusi. Qui però è colpa di Mary Poppins, e di quella fanatica convinzione che le pillole possano risolvere ogni problema.
  4. La circoncisione: sembrerebbe infatti che la rimozione della pelle che ricopre il glande, soprattutto quando effettuata in età adolescenziale o infantile, consentirebbe un maggiore sviluppo del pene. Come a dire che sbrigliando il cavallo, questo se la galoppa. Togliendo la gabbia al tappo, questo festeggia. Basta davvero liberare la bestia perché questa attacchi? Leggende, credo, anche se c’è chi lo conferma.

C’è da dire che, solitamente, non è il nostro pene ad essere così piccolo, ma le nostre ambizioni ad essere molto grandi. Anzi, direi che il problema nasce ancora prima: gli uomini sbagliano a misurare il proprio pene, soprattutto se paragonandolo a quello dei porno-attori. A tal proposito, trent’anni fa i ricercatori William H. Masters e Virginia E. ]ohnson trovarono che, durante un’erezione, i peni più piccoli si allungavano tendenzialmente di più rispetto a quelli più voluminosi.
Presero un gruppo di 40 uomini il cui amichetto misurava da flaccido tra i 7 e gli 8 centimetri. Al momento della massima erezione, in prossimità dell’orgasmo, presentavano dimensioni quasi doppie!

Qual è la conclusione?

dimensioni-pene-imgChe un pene grosso, anche moscio, è comunque grosso! Al contrario, un pene piccolo, a riposo…. è ancora più piccolo. Un motivo in più per volere un pene più lungo, quindi? Forse si, ma non deprimerti così tanto: perché dal sondaggio si evince anche che il pene, piccolo o lungo che sia quando è flaccido, raggiungerà in erezione in media dai 15 ai 17 centimetri, mentre i veramente super dotati battono i 18.

D’altra parte ci sono uomini che, sull’attenti, presentano un pennone di 25 centimetri. Ti dice niente il nome Rocco Siffredi? O il celeberrimo John Holmes, mito dei film porno anni 70, con i suoi 30 centimetri di “dimensione artistica”, come cantavano gli Elio e le storie tese. Il meno famoso Dick Rambone invece vantava quasi 40cm di lughezza del pene, ma il record assoluto pare che spetti al pornodivo Long Dong Silver che si porta in giro un cannone di quasi 46 centimetri.

Ma sapete che vi divo? Che piuttosto che non sapere dove metterlo, io continuo a consigliarvi il metodo del riflesso: fatelo davanti allo specchio, è anche tremendamente eccitante…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com