Chemsex: quante droghe riconosci?

Oggi, tanto per cambiare, parliamo di argomenti controversi e che fanno incazzare tutti. Prima di svelare l’argomento (che tanto viene spoilerato nel titolo) non vi nascondo una certa delusione per i sondaggi: in 3 casi su 5 la risposta più votata è stata “Cazzo è?”. Va bene tutto eh, ma non credevo che i miei follower fossero così naïve. Piango. Dunque, il topic odierno è il Chemsex. Sit back, relax and enjoy your flight.

Ricapitolando: ho chiesto ai twitteri, mediante 5 sondaggi, se avessero mai provato droghe specifiche durante il sesso e non in altri momenti. Anche perché l’argomento era il Chemsex, non il ChemEverywhere. Primo sondaggio.

Secondo sondaggio.

Terzo sondaggio.

Quarto sondaggio.

Quinto sondaggio.

Come potete vedere, a parte il popper, mancano tutte le droghe da chemsex più pop, come la cocaina e l’MDMA. Questo perché scabrosi sempre ma scontati mai! Comunque, come dicevo poco sopra la maggior parte non ha la benché minima idea di cosa siano 3 droghe su 5. E dunque, visto che non siete sul pezzo, ci pensa lo Scienziato Cacciatore a spiegarvelo.

Il popper, come certamente saprete, è un composto di nitriti alchilici estremamente volatile che si assume per inalazione (cioè si respira man mano che evapora). È un vasodilatatore e favorisce l’afflusso di sangue a cuore e cervello, ma l’effetto è brevissimo. Quel tanto che basta per rilassare l’ano e farsi penetrare con più facilità. A seconda delle miscele però può provocare la perdita dell’erezione e, nonostante sia la droga più scema da utilizzare, ha degli effetti collaterali che possono essere anche gravi. Uno con cui facevo sesso mi è letteralmente svenuto davanti a peso morto. Tre volte. Io già mi immaginavo a gridare dalla Sciarelli che non l’avevo ucciso io! In ogni caso il popper resta il compagno di tante avventure.

GHB (per gli amici solo G) sta per Gamma-idrossibutirrato, un derivato amminoacidico naturalmente presente nell’organismo e precursore del GABA, il principale neurotrasmettitore inibitorio del sistema nervoso centrale. A basse dosi provoca benessere, ma soprattutto l’aumento dell’erezione e del desiderio sessuale. Gli utilizzatori sono soliti dire: “Ti fa diventare più troia”. Ad alte dosi, al contrario, inizia ad avere un effetto anestetico, sia perché comincia a competere con il GABA sui recettori e sia perché viene convertito esso stesso nel neurotrasmettitore. Inoltre può provocare sintomi neurologici come perdita di coscienza e allucinazioni. Come si assume? Sciolto in una bevanda, ma MAI in alcol. Insomma, quando vedete in discoteca la gente che gira con le bottigliette d’acqua è perché dentro c’è il GHB o il Crystal meth.

Continuiamo. Sul Kamagra non avevo dubbi, nessuno l’avrebbe riconosciuto. Eppure sono sicuro che sapreste dirmi vita, morte e miracolo. Questo perché *rullo di tamburi* è il generico del Sildenafil. Ancora niente? Allora vi dico che questo principio attivo è stato brevettato nel 1996 sotto il nome commerciale di Viagra. Non credo di dovervi spiegare nient’altro. Solo che il kamagra costa meno, dà meno nell’occhio, è disponibile anche sotto forma di gelatine masticabili ed è utilizzato a scopo ricreativo per migliorare le prestazioni. Possiamo dire che sia il capostipite del chemsex!

Arriviamo ora al mefedrone (per gli amici MEF). La storia di questa droga è molto carina, perché sembra un remake di “Smetto quando voglio”. In sostanza gli inglesi si erano rotti di essere arrestati per possesso di MDMA, che poi sarebbe l’ecstasy. Quindi hanno riesumato una vecchissima droga usata come farmaco ad inizio ‘900, che per ovvie ragioni non era inclusa nella lista delle droghe da abuso e se la sono sniffata finché il Governo non si è svegliato. L’effetto del mefedrone è un misto di quelli della cocaina e delle anfetamine, ma ha durata minore, non provoca l’hangover pesante e aumenta il rilascio di serotonina, dopamina e noradrenalina. Questo determina da una parte benessere e sensazione di comunione col mondo; dall’altra eccitazione massiva e cazzo duro all night long, oltre che talmente tanta libido da farsi anche le gambe dei tavoli. Contemporaneamente può arrivare a provocare eccessiva vasocostrizione, sintomi psichici (tra cui la paranoia, data dall’eccesso di serotonina), presunta tossicità neuronale e allucinazioni.

L’ultima droga da sesso di cui mi occuperò oggi è il Crystal meth, conosciuto semplicemente come Crystal. Tra parentesi, ho sempre sognato di avere un’amica di nome Crystal. Comunque. Non è nient’altro che D-metanfetamina cloridrato in cristalli, quella di Breaking Bad per intenderci. Può essere sniffata, iniettata o ingerita e azzera qualunque parvenza di sonno, rende vigili, provoca benessere e fiducia in se stessi, stimola la prestanza fisica. Tuttavia è forse la peggiore tra le droghe che ho elencato, perché crea parecchia dipendenza e dopo un po’ rende le persone profondamente stupide, aggressive, paranoiche, con disturbi della personalità.

Dopo lo spiegone valgono sempre le stesse regole: nessuno giudica nessuno, nessuno deve fare da baby sitter a nessuno e nessuno deve forzare nessuno a fare niente. Una cosa però devo dirla: c’è una grande differenza tra provare una o qualche volta una droga a scopo ricreativo e starci sotto totalmente. Se durante una giornata il vostro unico pensiero è quello, considerate l’ipotesi di aver sviluppato una dipendenza e fatevi aiutare da una persona esperta (leggasi laureata e specializzata). That’s all folks!

Dedalus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com