Freakend – I fatti della settimana

Caotica – ma non troppo – domenica che trascorre tra referendum flop  e temporali in arrivo al nord. Ecco cosa ci ha lasciato questa settimana

LA QUEEN SIMO ELIMINATA DALL’ISOLA: Lunedì diretta solita dall’Honduras per un’altra puntata dell‘Isola dei famosi dove dopo 4 puntate è uscita la regina del programma, colei che ha portato in Italia l’isola come siamo abituati a conoscerla, proprio lei che ci ha regalato Belén Rodriguez: Simona Ventura.
Un’eliminazione che l’ha colta dopo un mese di rivelazioni che l’hanno effettivamente messa in una luce talmente forte da far risaltare solo l’ombra alle spalle: all’attivo un voltafaccia, un’uscita poco felice leggermente xenofoba e un dispotismo dilagante che le hanno regalato solo pochi applausi e molti dissensi.
Strano è, dato che sin dall’inizio era data per certo come vincitrice, ma una velata rivalità tra vecchia e nuova conduttrice e un’antipatia velata di qualche commentatore l’hanno segnata. Adesso addirittura si parla di un suo possibile forfait in diretta in studio dato il trattamento della redazione a suo dire ingiusto e molesto: insomma staremo a vedere domani sera e a seguire i vari aggiornamenti di questa storia che pare lungi dall’essere dimenticata facilmente.

GUERRA AI TOPI A ROMA: Quella dell’infestazione dei topi in questi ultimi tempi nella Capitale sembra essere un problema evidente e molto sentito sia dai cittadini che dalle amministrazioni; problemi inerenti l’immagine della città eterna che sicuramente non apparirà tra le più confortevoli e “da cartolina”. I piani già attivati si attengono a delle multe salate per chi lascia rifiuti per strada, ma è una notizia di pochi giorni fa quella che muove sicuramente al riso: il Senatore Antonio Razzi, candidato alla carica di sindaco di Roma ha messo come uno dei punti principali della sua campagna proprio l’eliminazione dei mickey mouse tramite l’assoldamento di particolari “killer”; l’arrivo in città di 500.000 gatti asiatici lasciati a piede libero per la città a compiere uno dei modi di dire più antichi al mondo, la caccia del gatto al topo. Manco a dirlo se la proposta passa carico valigie e mi trasferisco subito a Roma; resta da capire tuttavia come si risolverà successivamente la questione “sovrappopolamento felino”, assoldiamo poi 500.000 cani? Roba che manco alla fiera dell’est.
Gli unici strafelici all’idea al momento restano i gattari dell’instagram.

E’ LUI O NON E’ LUI? Notizia vecchia ma che fa parlare in questo periodo e quella del ritrovamento nel 2014 nella soffitta di una casa di Tolosa di un quadro che sembrerebbe essere un autentico Caravaggio dal valore di 100.000.000 di Euro.
E’ stato scoperto per caso mentre nella casa si stavano facendo dei lavori per risolvere alcuni problemi con infiltrazioni d’acqua: così è stato scoperta l’opera che ritrae una Giuditta nell’atto di tagliare al testa di Oloferne e proprio dai tratti sicuri del dipinto si vedrebbe la mano di Michelangelo Merisi. Una questione che ha dell’incredibile anche se si dovesse trattare di una replica proprio perché, secondo gli esperti sarebbe una diretta testimonianza della cultura del famoso pittore e della sua eredità storica indelebile e degna sicuramente d’emulazione.
36931517_un-caravaggio-scoperto-tolosa-il-louvre-si-gi-attivando-per-acquisto-0

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com