Uganda: 20 arresti perché gay, ma la polizia dice che si trattava di prevenzione al Covid-19.

Uganda- persone lgbt+ arrestate

L’Uganda nega che 20 persone arrestate siano state prese di mira perché gay.

Quattordici uomini gay, due uomini bisessuali e quattro donne transgender sono stati arrestati il 29 marzo quando la polizia ha fatto irruzione in un rifugio nella periferia della capitale ugandese Kampala. Almeno quattro delle 20 persone arrestate vivono con l’HIV e non possono avere accesso ai farmaci salvavita, stando a quando riportato da un attivista.

La polizia ha accusato tutti e 20 di aver sfidato le regole di distanziamento sociale, ma gli attivisti accusano le autorità di usare la pandemia di coronavirus per colpire le minoranze LGBT+ del paese.

Patricia Kimera, un avvocato che sta difendendo il gruppo con il Forum di sensibilizzazione e promozione dei diritti umani, ha affermato che a coloro che vivono con l’HIV viene negato l’accesso ai farmaci antiretrovirali e che tutti e 20 corrono il rischio di contrarre il coronavirus mentre sono in prigione.

“Chiediamo il rilascio immediato dei 20 arrestati, è un pericolo per loro nell’epidemia di COVID-19” ha detto Kimera, secondo la Thomson Reuters Foundation.

È una violazione del loro diritto alla salute, in particolare quelli che assumono farmaci antiretrovirali e non possono accedervi.

Un portavoce del servizio carcerario ugandese ha dichiarato: “I diritti possono venire quando salviamo delle vite. Dobbiamo salvare la nostra gente – non si tratta di legge, si tratta di vita”.

La polizia ha affermato che le persone LGBT+ nel rifugio stavano “tutte insieme in un dormitorio di una piccola casa”, sfidando le norme recentemente messe in atto che vietano il riunirsi a gruppi di più di 10 persone.

Il vice portavoce della polizia, Patrick Onyango, ha negato al momento dell’arresto che le persone fossero state prese di mira per essere LGBT+, dicendo: “Abbiamo ancora reati di sesso innaturale nei nostri libri di legge. Li accuseremmo di quella legge, ma li stiamo accusando di contagi, come potete vedere.”

Il presidente ugandese Yoweri Museveni ha detto al pubblico di rimanere a casa per 32 giorni a partire dal 22 marzo per frenare la diffusione di COVID-19. Finora ci sono stati 14 casi confermati nel paese.

Check The English Version here

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com